Giro, tappa a Fraile. Dumoulin conserva la maglia rosa

Ciclismo

Lo spagnolo della Dimension Data vince nettamente l’undicesima tappa, lunga 161 km, con traguardo a Bagno di Romagna. Secondo il portoghese Rui Costa, terzo il francese Rolland. In maglia rosa rimane Dumoulin. Giovedì la dodicesima tappa, la Forlì-Reggio Emilia

Vince Fraile, nettamente più forte e in fuga da quando mancavano ben 115 km al traguardo. Nella volata finale lo spagnolo ha avuto la meglio sul portoghese Rui Costa e il francese Rolland, quest'ultimo ripreso dopo il tentativo di fuga a pochi km dall'arrivo. Quinto l'italiano Visconti.

L'andamento della corsa

La tappa odierna è dedicata a Gino Bartali, nato nel piccolo centro toscano di Ponte a Ema il 14 luglio 1914. Per i primi 35 km il gruppo rimane compatto, poi Anton e De Plus staccano il plotone lanciandosi in fuga. I due vengono raggiunti dai contrattaccanti poco dopo, per una testa della corsa che conta 25 corridori a 115 km dal traguardo. Fraile della Dimension Data e Landa del Team Sky si staccano accumulando un vantaggio massimo di 2’50’’ da questi ultimi e 5’25’’ sul gruppo maglia rosa a metà tappa. I due spagnoli però vengono ripresi al km 124 dai contrattaccanti. Rolland stacca il gruppetto di testa, e Fraile è l’unico a riprenderlo dopo un chilometro. I due racimolano un vantaggio di 17’’ a 10 km dall’arrivo e 2’09’’ dalla maglia rosa, riuscendo a mantenersi in vantaggio per lo sprint finale vinto da Fraile.

Due ritiri

Non ha preso parte all’undicesima tappa Giacomo Nizzolo, corridore della Trek-Segafredo e campione d’Italia in carica. Il 28enne lombardo lascia dopo i problemi fisici che lo avevano condizionato prima dell’inizio del Giro, oltre all’allergia sopraggiunta alle prime tappe. Anche Matteo Pelucchi ha lasciato, a causa di una caduta nella cronometro che lo ha costretto a tagliare il traguardo fuori tempo massimo. 

Dumoulin resta in rosa

La maglia rosa resta all'olandese Tom Dumoulin, in testa alla classifica generale con 47:22:07. Il ciclista della Sunweb ha un vantaggio di 2'23'' rispetto al secondo posto occupato dal colombiano Quintana. Terzo gradino del podio per un altro olandese, Mollema, con un ritardo di 2'38''.

I più letti