Doping al Giro: Bardiani licenzia Pirazzi e Ruffoni

Ciclismo
Bruno Reverberi, team manager della Bardiani - CSF (Foto Getty)
bruno_reverberi_getty

La squadra ha avviato le procedure per il licenaiamento dei due corridori trovati positivi a pochi giorni dal via del Giro d'Italia. Il comunicato: "Ci riserviamo la facoltà di avviare azioni legali nei loro confronti al fine di tutelare la propria immagine di squadra e quella dei propri sponsor"

La Bardiani-Csf ha avviato le procedure di licenziamento per Stefano Pirazzi e Nicola Ruffoni, risultati positivi a un controllo antidoping a sorpresa - e fuori competizione - effettuato il 25 (Ruffoni) e il 26 aprile (Pirazzi) scorsi, pochi giorni prima del via del 100/o Giro d'Italia di ciclismo.

IL COMUNICATO

La Bardiani-Csf, formazione formata da soli italiani, che è partita dalla Sardegna con due corridori in meno, ha ricevuto conferma ufficiale dall'Unione Ciclistica Internazionale che le controanalisi dei campioni B dei due corridori hanno confermato la loro positività. Come previsto dal regolamento sanitario del team, pertanto, i due verranno licenziati. "La Bardiani - è scritto, in una nota - si riserva, inoltre, la facoltà di avviare azioni legali nei confronti di Pirazzi e Ruffoni, al fine di tutelare la propria immagine di squadra e quella dei propri sponsor". 

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.