Giro d'Italia 2017, Dumoulin: la sosta, l'attacco, la retromarcia

Ciclismo
dumoulin

Costretto a fermarsi a 32 chilometri dall'arrivo della Rovetta-Bormio per un problema intestinale, la maglia rosa attacca: "Quando Quintana è caduto a Bergamo, io l'ho atteso". Poi il parziale dietrofront

"Ho perso tanto tempo, è stato terribile. Sono arrabbiato, perché non capisco il comportamento dei miei diretti avversari: hanno detto che volevano andare a prendere il mio connazionale Kruijswijk, invece hanno attaccato. E' come se mi avessero tradito. Io mi ero comportato diversamente rispetto a loro quando Quintana è caduto nella discesa verso Bergamo. Cosa mi aspettavo? Niente". Dopo il problema fisiologico che l’ha colpito a 32 chilometri dall’arrivo della tappa facendogli perdere oltre un minuto e mezzo, e l’attacco degli avversari, la maglia rosa Tom Dumoulin a caldo ha picchiato duro sul gruppo.

 

Il dietrofront

A mentre fredda, pochi minuti dopo, la parziale marcia indietro: "Il comportamento del gruppo? Non so, è difficile da dire. In effetti era una situazione in cui si andava a tutta… Io sono deluso da me stesso, perché ho perso due minuti e non era quello che speravo. Non avevo una cattiva condizione, ho sofferto solo un problema intestinale. Avevo buone gambe, ma questo problema... non ci potevo fare niente. Peccato perché non è questo il mio livello: in fondo sono ancora in maglia rosa, ma non col vantaggio che speravo".
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.