Tour de France, Quintana: "Voglio vincere". Aru: "Me la giocherò"

Ciclismo
aru_getty

Il capitano della Movistar fissa l'obiettivo per la Grande Boucle in partenza domani da Dusseldorf: "Voglio far felici tutti i colombiani". Aru invece non si pone limiti: "Non firmo per il podio". Sagan punta al record parigino nella classifica a punti detenuto da Zabel

"Il Tour è la gara più importante e il mio più grande obiettivo di ogni stagione, lo è anche per la squadra". Nairo Quintana ha le idee chiare e nella conferenza stampa di vigilia alla Grande Boucle si mostra convinto delle sue possibilità: "Ho sempre partecipato per fare del mio meglio e adesso sono eccitato come nel 2013, quando corsi qui per la prima volta - spiega il capitano della Movistar -. Darò il 100% e spero di far felici i tifosi colombiani. Ho una squadra forte e sono sicuro che mi aiuterà in tutti i modi. Credo di aver recuperato dopo lo sforzo al Giro d'Italia. La condizione è buona, mi sono riposato bene e sono fiducioso. L'anno scorso sono andato meglio nella parte finale, quest'anno abbiamo scelto un programma diverso, vedremo se abbiamo fatto bene o meno. A questo punto devo limitare i rischi e dare tutto nelle tappe in montagna".

Aru: "Non firmo per il podio"

L'azzurro Fabio Aru invece preferisce andare più cauto: "Previsioni non ne faccio perché mi trovo in una situazione nuova - dice l'ultimo vincitore del campionato italiano professionisti a Ivrea -. Io penso sempre a ottenere il meglio dalle mie prestazioni e ad arrivare più in alto possibile in classifica. Non so questa volta dove posso arrivare perché sono alla prima lunga corsa a tappe della stagione, ma sicuramente me la giocherò. In questo momento non saprei se firmare per un podio senza vittorie". Il sardo analizza poi i possibili rivali al successo finale: "Non si può sottovalutare Froome solo perché non ha ancora vinto. Come sempre sarà molto competitivo, anche se il pronostico resta aperto: lui, Quintana, Contador e Chaves, a mio avviso, si giocheranno la vittoria. Sicuramente ci sarà da divertirsi fino al 23".

Sagan: "Voglio la sesta maglia verde"

Obiettivo maglia verde, per eguagliare il recordman Erik Zabel che ne ha indossate sei a Parigi, per Peter Sagan che, interpellato sulle tappe che preferirebbe nella corsa francese, risponde secco: "Non conosco il percorso, so solo che domani disputeremo una cronometro. Dunque, non ho tappe o percorsi preferiti. Nell'arco di una corsa possono esserci momenti positivi e altri meno - aggiunge lo slovacco del team Bora-Hansgrohe -, ma tutto questo fa parte di una gara di tre settimane. Vincere la maglia verde della classifica a punti è sempre molto complicato, ma ci proverò ancora una volta".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche