Ciclismo, squadra belga vieta la barba ai propri corridori

Ciclismo
Emiel Planckaert sarà il prossimo anno un membro della Sport Vlaanderen-Baloise (Foto Instagram)
planckaert_instagram

La Sport Vlaanderen-Baloise, per bocca del suo direttore sportivo Walter Planckaer, è stata categorica: niente barbe lunghe nel Team: "Sono una porcheria, lo faccio per l'eleganza del ciclismo", ha detto il ds belga

Barba? No, grazie. E' questo il diktat della Sport Vlaanderen-Baloise, squadra professionistica di ciclismo che partecipa alle prove dell'UCI Europe Tour e che può prendere il via anche a gare del Pro Tour, se invitata. A svelarlo al portale fiammingo 'Het Nieuwsblad' è stato Emiel Planckaert, 21enne della Lotto -Soudal U23, che dalla prossima stagione indosserà la maglia dell'equipe belga. Interpellato sullo spinoso caso, il direttore sportivo Walter Planckaert, è stato categorico: "Siamo dei ciclisti, non dei piloti di motocross o dei giocatori di rugby. Il moccio e i resti di cibo nella barba di un corridore in pieno sforzo sono una porcheria", ha spiegato il vincitore dell'Amstel Gold Race nel 1972 e del Fiandre nel 1976. 

Secondo Planckaert, questa misura è stata adottata per preservare l'eleganza nel ciclismo. Secondo quanto riportato da Het Nieuwsblad, saranno ammesse barbe incolte come quella dei belgi Philippe Gilbert e del campione olimpico in carica, Greg Van Avermaet. Quella che non sarà accettata alla Sport Vlaanderen-Baloise, sarà la barba da hipster come quella che in gruppo è mostrata dal tedesco Simon Geschke. E se un corridore non accettasse di fare un salto dal barbiere prima di firmare il contratto? "Semplice, dovrà trovarsi un'altra squadra", la risposta secca di Planckaert. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.