Tour 2018, Sagan vince in volata la seconda tappa: è la nuova maglia gialla

Ciclismo
sahan_03

Lo slovacco replica alla spettacolare vittoria di Gaviria della prima tappa e vince allo sprint la seconda frazione, 182 km pianeggianti con arrivo a La Roche sur Yon. Grazie a questo successo Sagan è ora la nuova maglia gialla

TOUR, RIVIVI LA SECONDA TAPPA

TOUR, TUTTE LE CLASSIFICHE

Voleva la rivincita e se l'è presa alla prima occasione buona. Con tanto di maglia gialla. Peter Sagan irrompe in questo Tour 2018, andandosi a prendere, di talento e rabbia, la seconda tappa della Grande Boucle, 182 km da Mouilleron Saint-Germain a La Roche sur Yon, ad appena 24 ore dalla beffarda sconfitta della prima frazione, vinta da Gaviria allo sprint proprio davanti allo slovacco. Che oggi si è presentato alla partenza concentrato e determinato, ha poi controllato la passeggiata pianeggiante e quindi ha sferrato l'attacco nello sprint finale, dopo aver ricacciato nel gruppo a 13 dall'arrivo il fuggitivo di giornata, quel Sylvain Chavanel capace di sciropparsi in solitaria 166 km. In volata ha battuto di un soffiol'italiano Sonny Colbrelli, secondo a pochi centimetri dalla ruota dello slovacco, il francese Demare, Greipel e Kristoff, con Kittel fuori gioco per un guasto meccanico ai 7 km dall'arrivo. Con questo successo, il nono in carriera, lo slovacco diventa anche la nuova maglia gialla.

Quante cadute, Sanchez si ritira

La volata, come detto, si è svolta a ranghi ridotti, perché a un paio di chilometri dall'arrivo, all'uscita di una curva, sono finiti a terra alcuni specialisti: dalla maglia gialla in carica Fernando Gaviria a Impey, Matthews e Haussler. Marcel Kittel, favorito assoluto, invece, era rimasto attardato a una decina di chilometri dall'arrivo a causa di un guaio meccanico: il tedesco, ancora una volta, non e' stato fortunato. Vincenzo Nibali e' 22/o nella generale, a 16" da Sagan, dietro lui Romain Bardet (23/o) con lo stesso tempo, come Rigoberto Uran, che e' 30/o e Mikel Landa 33/o. Chris Froome e' 84/o, a 1'07", Richie Porte 79/o con lo stesso tempo.

E' gia' finita, invece, la corsa di Luis Leon Sanchez, che era atteso nelle tappe in salita e oggi e' andato a cozzare contro uno spartitraffico. La sua corsa si e' conclusa in ospedale, a causa di un problema al gomito. Lo ha imitato, finendo sull'asfalto, Adam Yates, caduto anche ieri. L'inglese e' riuscito a rientrare tutt'altro che correttamente, sfruttando la scia dell'ammiraglia della 'sua' Mitchelton-Scott. Domani il Tour disputa la cronosquadre di Cholet (arrivo e partenza), lunga 35 chilometri, al termine dei quali la classifica verra' ridisegnata. C'e' spazio per i ribaltamenti e il Team Sky punta a ristabilire le gerarchie

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche