Ciclismo, Mondiali uomini elite: vince Valverde, 5° l'azzurro Moscon

Alejandro Valverde ha vinto la prova Elite maschile del Mondiale di ciclismo su strada che si è conclusa a Innsbruck (Austria). Lo spagnolo ha preceduto, in uno sprint ristretto, il francese Romain Bardet, secondo, e il canadese Michael Woods, terzo. Quarto l'olandese Tom Dumoulin, 5° l'italiano Gianni Moscon

LA FORZA DI VALVERDE, MAGLIA IRIDATA A 38 ANNI

Alejandro Valverde vince la prova Elite maschile del Mondiale di ciclismo su strada che si è conclusa a Innsbruck, in Austria. Lo spagnolo ha preceduto, in uno sprint a 4, il francese Romain Bardet e il canadese Michael Woods. Quarto l'olandese Tom Dumoulin, 5° e primo degli italiani il trentino Gianni Moscon, staccato di 13" dal gruppetto, che si è giocato la maglia iridata fino a pochi chilometri dal traguardo. Niente da fare per Vincenzo Nibali e per Julian Alaphilippe, il super favorito della vigilia. Più scontata la "resa" del campione in carica Peter Sagan in un tracciato che non era certamente adatto alle sue caratteristiche, sfuma così per lo slovacco il sogno del poker iridato. 

Ma l'Italia di Cassani non ha assolutamente niente da rimproverarsi, il lavoro dei gregari è stato commovente fino all'ultimo giro del tracciato, con Brambilla e Caruso che hanno trainato i capitani Nibali e Moscon a giocarsi le loro chance nella tornata conclusiva, la più dura, il giro infernale, la Höttinger Höll, lunga 2.800 metri, una pendenza media del 13% con una punta del 28: lo strappo di Gramartboden. È in questo tratto che Valverde, Bardet e Woods hanno fatto la differenza, poi ripresi da Dumoulin per la volata che ha visto trionfare il 38enne iberico. 

1 nuovo post

Comincia la discesa, Moscon risponde all'attacco di Rui Costa!

- di Redazione SkySport24

Dopo Nibali, la salita di Igls continua a fare selezione, si stacca anche Greg Van Avermaet (Bel)

- di Redazione SkySport24

Ripresi i fuggitivi quando mancano 20 km all'arrivo

- di Redazione SkySport24

Le speranze dell'Italia sono tutte sui pedali di Gianni Moscon

- di Redazione SkySport24

Si stacca Nibali a 22 km dal traguardo

- di Redazione SkySport24

25 km al traguardo!

- di Redazione SkySport24

Caruso e Brambilla si staccano, il loro lavoro è terminato. Ora è il turno di Pellizotti

- di Redazione SkySport24

Il ritardo dai primi ora è soltanto di 1'30''

- di Redazione SkySport24
Gli Azzurri - come ha più volte ricordato il ct Cassani - corrono anche per Michele Scarponi, sempre nel cuore di tutti gli appassionati di ciclismo 
- di Redazione SkySport24

-27 all'arrivo

- di Redazione SkySport24

È l'Italia che sta cercando più di tutte di recuperare lo svantaggio, ora di 2'15''. Brambilla e Caruso da applausi!

- di Redazione SkySport24

Suona la campanella dell'ultimo giro per i due fuggitivi, in testa da 200 km...

- di Redazione SkySport24

Il vantaggio della coppia di testa, gli scandinavi Stake Laengen ed Asgreen, si assottiglia a 2'30''

- di Redazione SkySport24

-32 al traguardo

- di Redazione SkySport24

Vincenzo Nibali e Gianni Moscon rimangono coperti, conservano le energie per l'ultimo, durissimo giro

- di Redazione SkySport24

Comincia la discesa, Stake Laengen ed Asgreen comandano con 2’30” sul gruppo degli inseguitori che comprende il nostro Caruso

- di Redazione SkySport24

-40 al traguardo

- di Redazione SkySport24

La corsa comincia a entrare nel vivo, si muovono anche il francese Romain Bardet, seguito da Buchmann, Bennet, Tolhoek, Brambilla e De la Cruz

- di Redazione SkySport24

Scatto di De Marchi! L'Italia non si nasconde!

- di Redazione SkySport24

3'17" il vantaggio di Vegard Stake Laengen (Norvegia) e Kasper Asgreen (Danimarca) sul terzetto guidato dal siciliano Caruso

- di Redazione SkySport24

El Imbatido - com'è soprannominato Valverde - in carriera ha vinto cinque edizioni (record) della Freccia Vallone, quattro della Liegi-Bastogne-Liegi, oltre a una tappa al Giro d'Italia, quattro al Tour de France e undici alla Vuelta a España, giungendo sul podio di tutti e tre i grandi Giri, sfiorando in più occasioni il successo sulla prova in linea dei campionati del mondo: due secondi (nel 2003 e 2005) e quattro terzi posti (nel 2006, 2012, 2013 e 2014) prima del trionfo di Innsbruck. 

Resta la delusione per Nibali, ma i dubbi sulla sua condizione era tanti: appena due mesi fa era stato operato a una vertebra toracica per l'assurda frattura che l'aveva costretto al ritiro sull'Alpe d'Huez, "investito" da un tifoso (dalla tracolla della sua macchinetta fotografica). Un plauso a tutti gli azzurri, Brambilla e Caruso, ma anche a Franco Pellizotti, Alessandro De Marchi, Domenico Pozzovivo e Dario Cataldo che hanno provato a riportare il titolo iridato in Italia a 10 anni di distanza dall'ultima volta, dalla doppietta Ballan-Cunego di Varese 2008. Peccato. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche