Amstel Gold Race 2019: calendario, orari, guida e percorso

Ciclismo
amstel_getty__1_

Domenica di Pasqua all'insegna del grande ciclismo con l'Amstel Gold Race, la prima classica del trittico delle Ardenne. Partenza da Maastricht e arrivo a Valkenburg aan de Geul dopo 258 chilometri e 35 côtes, su e giù per le colline del sud dell'Olanda. Gilbert, Alaphilippe e Sagan super favoriti, l'Italia tifa per Bettiol, vincitore all'ultimo Giro delle Fiandre

CICLISMO, TUTTE LE CLASSICHE DEL MESE DI APRILE

L'Amstel Gold Race è la più giovane delle classiche del Nord, ma nessun complesso di inferiorità rispetto alle "cugine" Freccia Vallone e l'ultracentenaria Liegi-Bastogne-Liegi, che chiuderanno la trilogia delle Ardenne la prossima settimana. Guai a sottovalutare la "corsa della birra" e le sue côtes, le aspre e coloratissime salite sulle colline del sud dell'Olanda che in questa domenica di Pasqua (dalle 10.30) regaleranno spettacolo su è giù per il Limburgo.

Il percorso

La grande novità di questa edizione - la 54esima - è la partenza, trasferita dopo un ventennio dalla piazza del Mercato di Maastricht a una ben più spaziosa della città del Trattato. Per il resto, non cambia il numero dei chilometri complessivi (258) e delle côtes (35), in linea con la rivoluzione tracciata nel 2017, con il passaggio fondamentale sul Cauberg ai -18 dal traguardo e non all'epilogo della gara. Cauberg (900 metri al 7,5%) che verrà affrontato tre volte prima dello scollinamento sui temuti Geulhemmerberg e Bemelerberg ai 7 dall'arrivo di Valkenburg aan de Geul, previsto intorno alle 17.

Storia e albo d'oro

L'Amstel - che prende il nome dal marchio della birra - fu istituita nel 1966 e in più di mezzo secolo di storia ci sono passati - e hanno vinto - alcuni dei più grandi, da Eddy Merckx a Bernard Hinault, fino a Erik Zabel e Philippe Gilbert, che qui ha trionfato in 4 occasioni, a un passo dalle 5 affermazioni del padrone di casa olandese Jan Raas, dominatore a cavallo tra i '70 e gli '80. L'Italia vanta 7 sigilli: il primo di Stefano Zanini nel 1996; quindi Michele Bartoli (2002), Davide Rebellin (2004), Danilo di Luca (2005), Damiano Cunego (2008) e la doppietta di Enrico Gasparotto (2012 e 2016).

I favoriti

E Gasparotto non può che essere uno dei favoriti, ottimo (terzo) anche l'anno scorso dietro a Michael Valgren e Roman Kreuziger. Ma il friulano dovrà fare i conti con Gilbert e il francese Julian Alaphilippe, reduce dal trionfo alla Milano-Sanremo, oltre al solito Peter Sagan (l'Amstel manca alla sua "collezione") e ai quotatissimi Mathieu Van der Poel, Michael Matthews, Alejandro Valverde e Michael Kwiatkowski. L'Italia (23 gli azzurri al via) farà il tifo anche per Sonny Colbrelli - 3° nel 2016 - e naturalmente per Alberto Bettiol, che proverà a bissare la strepitosa vittoria al Giro delle Fiandre di due settimane fa.

Guida tv

Potrete seguire la corsa in diretta - come le altre classiche di aprile - su Eurosport 1 (canale 210 di Sky) con risultati, cronaca e approfondimenti sul nostro sito web e la app di Sky Sport.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.