Tour de France, la 11^ tappa da Evaux-les-Bains a Le Lioran: percorso e altimetria

TOUR DE FRANCE
Tour_altimetria_11

Dopo una tappa piatta senza fughe, il Tour de France torna in pendenza in grande stile, sul Massiccio Centrale. Dura frazione di oltre 200 chilometri da Evaux-Les-Bains a Le Lioran con la bellezza di sei Gran Premi della Montagna, di cui gli ultimi quattro nel tratto finale del percorso. Il Puy Mary Pas de Peyrol è la cima più dura con una salita di 5,4 km con oltre l'8% di pendenza. Il Tour è in diretta integrale su Eurosport, canale 210 di Sky

TOUR DE FRANCE, LA 13^ TAPPA IN DIRETTA

Il Tour de France torna in alta quota. Dopo la quarta tappa alpina con lo show di Pogacar sul Galibier, una frazione a cronometro, gli sterrati e tante opportunità per i velocisti, si scala il Massiccio Centrale. Si prospettano fughe da lontano, scalatori che cercheranno la loro giornata di gloria e uomini di classifica che proveranno a imporsi. Pogacar cercherà di testare ancora la condizione di Vingegaard, Evenepoel potrebbe dimostrare ancora la sua buona condizione e candidarsi come prima alternativa allo sloveno, da Roglic sono attesi i primi vagiti. 

L'altimetria dell'11^ tappa

Si parte dai 502 metri di altitudine a Evaux-les-Bains per arrivare ai 1242 di Le Llorian, arrivo non in salita ma preceduto da sforzi enormi: sei GPM, di cui uno di prima categoria (Puy Mary Pas de Peyrol, salita di 5,4 km con pendenza media dell'8,1%), due di seconda (Col de Neronne, 3,8 km con il 9,1% e Col de Pertus, 4,4 km con il 7,9%), due di terza (Cote de Larodde, 3,8 km con il 6% e e Col de Font de Cere, 3,3 km con il 5,8%) e uno di quarta, il primo che si incontrerà sul percorso, vale a dire il Cote de Mouilloux (1,9 km con il 6,3%). Probabilmente il gruppo arriverà compatto al traguardo volante di Bourg-Lastic, al km 64, per consentire ai velocisti di giocarsi punti preziosi per la maglia verde. Subito dopo inizierà un logorante saliscendi che si chiuderà con il Col de Font de Cere a 3 km dal traguardo

getty_pogacar_vingegaard_1

leggi anche

Pogacar resta favorito, ma il Tour è ancora lungo