Fantacalcio, consigli per l'asta: i 5 portieri da prendere

Fantacalcio

Non si può dire che al fantacalcio il portiere abbia un’importanza relativa. Sia che vogliate investire un sacco di crediti, sia che decidiate di andare al risparmio, serve non incassare troppi malus per non vanificare i bonus del resto della vostra squadra. C’è chi fa pochi ragionamenti e punta ad avere un numero 1 Top. Quali sono? Scopriamolo

GIOCA A SUPERSCUDETTO: IL FANTA TARGATO SKY SPORT

I CONSIGLI PER UN'ASTA PERFETTA CON 300 CREDITI

CONSIGLI FANTACALCIO PER L'ASTA

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY

Tutto inizia dalla porta. In alcune aste delle varie leghe private infatti c’è la chiamata per ruolo. I primi ad essere battuti all’asta sono infatti i vari numeri uno. Gestione, rotazione oppure 'orientamento unico'? La strategia di spesa dipende da quella che è la vostra idea 'globale' (squadra equilibrata? Sbilanciata con pesanti investimenti a centrocampo e attacco?). Molti fantalleantori però non voglio troppi problemi di scelta da una domenica all’altra e allora la loro decisione è quella di spendere un bel po' pur di assicurarsi un portiere da schierare sempre e che possa portare meno malus possibili; e quindi lo sguardo va certamente alle migliori difese in circolazione ma non solo… come scopriremo nella nostra lista dei TOP portieri per l’asta del fantacalcio.

SAMIR HANDANOVIC (Inter)

Inter reduce da due stagioni nelle quali la somma dei clean sheet ha quasi raggiunto quota 35. Con Antonio Conte e i nuovi innesti il totale potrebbe crescere ulteriormente facendo di Samir Handanovic uno dei portieri meno battuti della serie A. Il capitano dell’Inter, è bene ricordarlo, è anche uno di quelli che giocano 37 gare all’anno lasciando solo la titolarità al secondo nell’ultimo turno dell’anno. La storia recente ci ha infatti raccontato che anche le Big vogliono avere due portieri affidabili in modo da ruotare anche l’estremo difensore. Tutto ciò comporta un’ulteriore difficoltà fantacalcistica: i portieri delle squadre d’alta classifica costano un sacco ma rischiano di saltare 6 o 7 partite, alcune delle quali possono essere inquadrate come 'semplici'. Handanovic sotto questo aspetto è una sicurezza. Zero turnover e zero pensieri al momento di fare la formazione

GIANLUIGI DONNARUMMA (Milan)

Un altro sulla falsa riga di Handanovic (quanto a titolarità 'continua') è il portiere dell’altra metà di Milano. Donnarumma come sempre è stato al centro di voci di mercato ma alla fine è rimasto nonostante le varie sirene. Lo scorso anno i troppi punti persi dal Diavolo, anche ovviamente a causa dei gol presi, sono costati l’accesso in Champions ma c’è da dire che clean sheet a parte, i rossoneri mettono insieme buonissimi numeri quanto a numero di gol presi. Non parliamo del totale ma il discorso è più in senso specifico. Per tutti quelli che acquistano un top portiere e basta è anche importante andare a guardare il numero di vittorie, pareggi e sconfitte con uno, due o tre gol concessi. Prendereste al fanta il portiere di una squadra capace di vincere sempre per 3-2 o 4-3? Paradossalmente quella squadra chiuderebbe con lo scudetto in tasca ma con un 'pessimo' portiere a livello fantacalcio. Lo scorso anno il Milan ha concesso in 15 occasioni solo 1 gol all’avversario (indipendentemente dal risultato finale). Stesso numero della Juventus Campione d’Italia

SALVATORE SIRIGU (Torino)

Tre gol subiti nelle prime due partite non paiono essere un indimenticabile biglietto da visita per la difesa del Torino che però ha dovuto affrontare (con successo) due attacchi non certo 'difettosi'. Il Sassuolo di De Zerbi nella scorsa stagione, tra gol fatti e subiti, ha generato un totale di 113 gol e con Caputo la speranza è che il numero di quelli fatti salga ulteriormente. Sulle doti offensive dell’Atalanta ci sono pochi dubbi quindi in un certo senso era anche preventivabile che non arrivassero un paio di clean sheet. La difesa granata però è più che affidabile e Sirigu è certamente uno dei migliori in Serie A quanto a rendimento fantacalcistico. Resta aperto il 'caso Nkoulou'. Il centrale camerunese è sempre stato una pedina fondamentale per la retroguardia granata ma Walter Mazzarri, non dovesse poter disporre di Nkoulou, ha varie soluzioni utili per mantenere la propria difesa ad alti livelli fantacalcistici

ALEX MERET (Napoli)

Altra squadra che non si è presentata benissimo a livello difensivo nei primi 180 minuti di stagione. Sette reti incassate dovrebbero essere un grosso campanello d’allarme. Talmente grosso da sconsigliarci di inserire l’ex portiere della Spal nella lista dei top portieri. Ancelotti però sta cercando il giusto equilibrio al suo nuovo Napoli e giocare subito in casa della diretta rivale non aiuta certo. Le gare con zero (o un) gol subito arriveranno e la sensazione (ripetiamo, sensazione) è che quest’anno vedremo meno l’alternanza in campionato tra Meret e Ospina. Il calcio offensivo, se fatto per bene e in modo continuato per tutta la gara, porta una squadra a non lasciare il pallone all’altra. E senza palla tra i piedi è difficile segnare

THOMAS STRAKOSHA (Lazio)

L'ultimo nome non è, come qualcuno poteva aspettarsi, quello di Szczesny. Il polacco ha un 'secondo' scomodo. Buffon non mira (forse) a togliere il posto al collega ma sappiamo che il Gigio nazionale vuole diventare il recorman di presenze in Serie A. Difficile che Sarri inserisca Buffon a gara in corso (ma sarebbe anche possibile). Nei primi due turni di campionato ha sempre giocato Szczesny che quindi rischia di stare ben al di sotto delle 30 presenze stagionali. In più, mentre con Allegri almeno 17/18 clean sheet erano quasi assicurati, con Sarri potrebbero arrivare più gol segnati ma anche quel gollettino che non cambierebbe l’esito tra vittoria e sconfitta, ma che può costare non poco al fantallenatore. Strakosha è un portiere affidabile e la squadra di Simone Inzaghi ha mantenuto quasi inalterata l’ossatura di quella che dovrebbe essere la formazione titolare. Riducendo leggermente il numero di gare con 2 o 3 gol concessi all'avversario, prendere uno come Strakosha può non essere un’idea malvagia.

I più letti