Formula 1, Leclerc: "Non vedo l'ora di tornare sulla Ferrari nel GP d'Ungheria"

Formula 1

Charles Leclerc vuole dimenticare alla svelta l'incidente in Austria, tornando subito in pista in Ungheria: "Non vedo l'ora, l'Hungaroring è un tracciato che mi piace. Sarà fondamentale non commettere errori nelle qualifiche". Vettel: "Bello poter risalire subito sulla Ferrari dopo l'esito negativo dell'ultima gara"

GP UNGHERIA: LA DIRETTA DI LIBERE 3 E QUALIFICHE

Dopo l’incidente alla terza curva del Gran Premio di Stiria, Charles Leclerc e Sebastian Vettel sono impazienti di tornare in pista per gettarsi alle spalle una settimana complicata e per cercare di massimizzare i risultati della Ferrari. Domenica si corre in Ungheria, sul quale la Scuderia si è imposta sette volte, la prima delle quali con Nigel Mansell nel 1989, quando l’inglese rimontò dal 12° posto in griglia. 

Leclerc: "Non vedo d'ora di tornare in macchina"

leggi anche

Binotto: "Serve la perfezione per ottenere punti"

Charles Leclerc ha un solo obiettivo, tornare in pista il prima possibile: "Non vedo l’ora di tornare in macchina - ha detto il monegasco -. L’Hungaroring mi piace perché è un tracciato estremamente tecnico con diversi punti nei quali un eventuale errore può essere pagato a caro prezzo in termini di tempo sul giro. Per questo, specie in qualifica, è vitale non commettere errori per mettere insieme il tentativo perfetto. Budapest è una delle mie tappe preferite nel calendario, perché la città è splendida e i tifosi sono molto appassionati. In questa edizione non li potremo avere sugli spalti ma ci seguiranno da casa e spero di poterli far divertire".

Vettel: "In Ungheria una pista che ti fa spendere molto"

leggi anche

Bild: "Vettel-Aston Martin, colloqui in corso"

Questo il commento di Sebastian Vettel: "Dopo l’esito negativo della gara della scorsa settimana a Spielberg è bello avere la possibilità di risalire subito in macchina e tornare in pista - ha detto il tedesco, due volte vincitore in Ungheria -.  L’Hungaroring è un tracciato che sottopone i piloti a un discreto sforzo fisico, perché sono pochissimi i tratti nei quali è possibile rilassarsi. Le curve infatti sono tantissime e di solito quando si disputa il Gran Premio le condizioni atmosferiche presentano giornate molto caldeQuesta tradizionalmente è anche una pista sulla quale accorrono molti tifosi della Ferrari e tantissimi dalla Germania, sarà molto strano non vedere il loro supporto dalle tribune".

FORMULA 1: SCELTI PER TE