Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, tripla doppia di Green, Gallo 19 ma sconfitto

NBA
11^ sconfitta in trasferta stagionale per i Nuggets di Danilo Gallinari (Foto Getty)

Inizia con una sconfitta il 2017 dei Denver Nuggets: i Golden State Warriors vincono grazie alla tripla doppia di Draymond Green (15+10+13), che rende inutili i 19 punti, 8 rimbalzi e 4 assist di Danilo Gallinari (127-119)

A Draymond Green piace iniziare l’anno con il piede giusto. Esattamente 12 mesi fa, il 2 gennaio 2016, il numero 23 degli Warriors firmò il massimo stagionale in casa contro i Denver Nuggets realizzando una tripla doppia da 29 punti, 17 rimbalzi, 14 assist; stanotte, sempre in casa contro i Denver Nuggets, ha chiuso con un’altra tripla doppia da 15 punti, 13 assist e 10 rimbalzi, l’ultimo dei quali catturato in testa a Danilo Gallinari per segnare il canestro del definitivo +8 a 28 secondi dalla fine, chiudendo di fatto la partita. Il Gallo ha disputato comunque una buona partita da 19 punti, 8 rimbalzi e 4 assist con 7/15 al tiro e 2/7 da tre, uno dei sei giocatori in doppia cifra per i Nuggets che sono rimasti attaccati alla partita fino alla fine, pur senza rientrare mai sotto i 6 punti di svantaggio per la maggior parte del secondo tempo.

Festa dell’assist — Nessuna delle due squadre ha mostrato una particolare voglia di difendere, e questo ha dato spazio a una gara divertente e dall’alta efficienza offensiva (120.7 punti su 100 possessi per Golden State, 110.3 per Denver). Basti pensare che sui 98 canestri segnati nella partita, ben 66 sono arrivati in seguito a un assist, con le due squadre a spartirsi equamente il bottino con 33 per parte. Per gli Warriors si tratta della 24^ partita stagionale sopra i 30 assist, guidati dai 13 di Green che, quando tocca la tripla doppia, non ha mai perso in tutta la sua carriera (16-0). Golden State ha mandato sei giocatori in doppia cifra, guidata dai 25 di Klay Thompson, i 22 di Steph Curry (che ha superato Dale Ellis al 15° posto della classifica all-time per triple segnate) e i 21 di Kevin Durant, uniti agli 11 di Zaza Pachulia e i 12 di un positivo Ian Clark in uscita dalla panchina.

Buoni, ma non così buoni — Dalla parte di Denver, è da registrare l’ennesima eccellente prestazione di Nikola Jokic (10^ doppia-doppia della stagione con 21 punti, 13 rimbalzi, 5 assist e 8/17 dal campo), che si è fatto sentire sotto i tabelloni (8 rimbalzi offensivi dei 16 di squadra) pur avendo problemi a difendere in spazi aperti contro i realizzatori di Golden State e per questo impiegato solo per 24 minuti, con i rimanenti concessi a un positivo Jusuf Nurkic da 15 punti, 6 rimbalzi e 4 assist con 6/8 al tiro. Ad accompagnare Jokic in cima ai migliori marcatori di squadra è stato Wilson Chandler con 21 punti, mentre dalla panchina sono arrivati anche i 14 con 7 rimbalzi e 4 assist del solito Will Barton, l’unico giocatore con un plus-minus positivo di squadra. Una sconfitta tutto sommato incoraggiante per Denver, che non è crollata davanti agli Warriors come successo a novembre al Pepsi Center, contenendo le palle perse (15) e segnando oltre la metà dei punti nel pitturato (60 su 119). Semplicemente, non è bastato per vincere sul campo della miglior squadra della NBA — ma se questo è l’impegno, non è impossibile pensare di conquistare l’ottavo posto (distante solo mezza partita) e affrontare i campioni della Western Conference quando arriverà metà aprile.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport