Please select your default edition US
Set Default:
Go
Your default site has been set for 7 days
Caricamento in corso...
11 gennaio 2017

NBA, London Calling: a spasso con i Nuggets

print-icon

Un'occhiata agli account social dei giocatori dei Denver Nuggets per vedere come hanno approfittato della trasferta a Londra per la partita di domani contro i Pacers

Un solo giorno, poco più, per approfittare della trasferta inglese e divertirsi un po' per le strade di Londra, prima di far sul serio e mettere testa e concentrazione sugli Indiana Pacers, avversari di turno giovedì nell'ambio degli NBA London Games 2017. Cosa fare nella capitale inglese tra un allenamento e un altro? Alcuni giocatori di Denver - su tutti il nostro Danilo Gallinari - hanno pensato bene di fare un salto all'indirizzo che tutto il mondo associa a parole come eleganza e stile: Savile Row, vero e proprio tempio londinese dell'abbligliamento sartoriale, minuziosamente creato nei tanti laboratori di una via celebre anche per aver ospitato (al civico n°3) gli studi di registrazione della Apple Records, quelli dei Beatles, che a fine ottobre 1969 proprio sul tetto di quel palazzo fecero il loro ultimo celebre concerto, poi immortalato dal documentario Let It Be. Gallinari e compagni, però, erano maggiormemnti interessati a giacche e completi da veri lord, come testimoniato da queste foto.

Danilo ha subìto tutto il fascino di Oswald Boateng, lo stilista che - dopo aver vestito celebrità del calibro di Mick Jagger, Jimmy Page e Spike Lee - a metà anni Ottanta ha stabilito il suo atelier nella celebre Portobello Road, prima di trasferirsi in Savile Row appena dopo l'inizio del nuovo millennio e continuare una carriera eccezionale mettendo addosso i proprio abiti ai migliori attori del mondo, da Will Smith a Jamie Foxx fino a Daniel Day Lewis. Gallinari non ha voluto essere da meno, e come dice il simpatico tweet dell'account dei Nuggets, si è accontentato "soltanto del meglio". Ben fatto!

L'altro grande highlight della trasferta londinese in casa Nuggets è stata "l'invasione di massa" all'Emirates Stadium, tana dell'Arsenal. Tanti gli appassionati di calcio nello spogliatoio di Denver e allora d'obbligo la tappa in uno dei campi più carichi di fascino di tutta Inghilterra. Emmanuel Mudiay è sembrato uno dei più emozionati nel mettere piede sul prato solitamente calcato dai Gunners, come testimonia il tweet con cui ha voluto condidivere il momento. 

Chi, al pari di Mudiay, non ha saputo contenere la felicità di vivere un'esperienza del genere è stato Kenneth Faried, che smartphone in mano ha iniziato a scattare selfie divertiti (e divertenti) appena entrato nello stadio dell'Arsensal, dove a fare da padroni di casa ci hanno pensato Rob Holding, Hector Bellerin e Per Mertesacker. La visita si è poi conclusa con un giro negli spogliatoi tra sorrisi e promesse di prossimi appuntamenti, c'è da giurare già giovedì a bordocampo della O2 Arena dove non mancheranno tanti volti noti della Premier League inglese.

Video

Tutti i siti Sky