Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i risultati della notte: decima sinfonia Heat

NBA

Con i 30 punti e 20 rimbalzi di Hassan Whiteside gli Heat diventano la terza squadra (dopo Warriors e Rockets) capace di vincere 10 gare in fila in stagione. LeBron James onora il Madison Square Garden con 32 punti e 10 assist, Popovich diventa l'allenatore con più vittorie (1.128) su una sola panchina. 

Miami Heat-Philadelphia 76ers 125-102 — Sono solo tre le squadre NBA capace di cavalcare una striscia di vittorie in doppia cifra quest’anno: gli Warriors di Steph Curry e Kevin Durant (12), i Rockets di James Harden (10) e ora gli Heat di Hassan Whiteside (10), autore contro Philadelphia di una gara-monstre da 30 punti e 20 rimbalzi in solo tre quarti e sbagliando soltanto tre tiri (14/17 dal campo per lui). Miami diventa così la prima squadra dai tempi dei Phoenix Suns 1996-97 a infilare un filetto di dieci vittorie consecutive ma rimanere ugualmente con un record negativo (e di gran lunga, da 11-30 a 21-30). Contro i Sixers ancora privi di Embiid, tutto facile per gli uomini di coach Spoelstra, sopra perfino di 34 punti e al massimo stagionale per precisione al tiro (58.5%), grazie anche alla mano sempre caldissima di Dion Waiters, autore di 21 punti con 7/10 al tiro e 5/6 da tre.

New York Knicks-Cleveland Cavaliers 104-111 — In prima fila al Madison Square Garden - dove LeBron James viaggia a 28.5 punti di media in carriera, dietro solo Micahel Jordan, Kevin Durant e Kobe Bryant - ci sono Bruce Willis, Kevin Hart e David Duchovny: il 23 dei Cavs prende nota e regala spettacolo confezionando una gara da 32 punti e 10 assist che lo vede infrangere il record dei 28.000 punti in carriera (il più giovane di sempre a riuscirci), guidando i suoi alla settima vittoria consecutiva sul parquet dell’arena più famosa al mondo. Cleveland deve rinunciare a Kyrie Irving (dolore al quadricipite) ma riabbraccia Kevin Love, a cui le voci di un ventilato scambio proprio per Carmelo Anthony non sembrano essere arrivate: 23 punti e 16 rimbalzi per lui al rientro dopo uno stop di due gare. Ai Knicks, ancora senza Derrick Rose per la quarta partita in fila, non bastano i 23 con 10 assist del suo rimpiazzo Brandon Jennings e i 17 di Carmelo Anthony, costretto dalla marcatura dell’amico LeBron a un pessimo 6/20 dal campo. 

San Antonio Spurs-Denver Nuggets 121-97 — Non è un caso che a regalare la vittoria n°1.128 sulla panchina di un’unica squadra (superato il record di Jerry Sloan alla guida degli Utah Jazz) ci abbiano pensato i due grandi veterani di casa Spurs, Manu Ginobili e Tony Parker, autori entrambi di 18 punti. Massimo stagionale con 4/5 da tre per l’argentino (a riposo per tutto il secondo tempo), e partita perfetta al tiro (8/8) per il francese, in quella che è la sesta vittoria in fila di San Antonio contro Denver, ancora senza Danilo Gallinari. Per gli Spurs è Kawhi Leonard il miglior marcatore di squadra a quota 19, ma la palma del top scorer va a Jamal Murray, autore di 20 punti dalla panchina per i Nuggets, che però concedono ai nero-argento di tirare con il 57% dal campo. 

Washington Wizards-New Orleans Pelicans 105-91 — Gli Wizards tengono i Pelicans senza punti negli ultimi 5’52” della gara (25-8 il parziale del quarto quarto) e allungano così la loro striscia di vittorie a quota 7 (miglior risultato dal gennaio 2005) e addirittura a 17 quella dei successi interni, che sarà messa a dura prova lunedì quando al Verizon Center arrivano LeBron James i Cavs campioni NBA in carica. A trascinare i capitolini come al solito ci pensa un John Wall da 24 punti e 13 assist, supportato alla grande dai 12 punti con 17 rimbalzi (di cui 10 già solo nel primo quarto) di Marcin Gortat e dai 18 di Markieff Morris. Non evita il quarto ko consecutivo dei Pelicans la solita grande prestazione di Anthony Davis, autore di 25 punti e 10 rimbalzi. 

Phoenix Suns-Milwaukee Bucks 112-137 — Ci sono due partite all’interno della stessa gara tra Bucks e Suns: la prima viene stravinta da Milwaukee nel primo quarto e nel secondo tempo, ben rappresentato dal +25 di scarto finale; un’altra, più piccola, è lo show personale di Devin Booker nel secondo quarto, periodo nel quale ha segnato ben 27 dei suoi 31 punti finali con 9/11 dal campo e 5/5 da tre. Era dai leggendari 37 di Klay Thompson contro Sacramento che un giocatore non segnava 27 o più punti in poco più di sette minuti, utili però solamente a ridurre uno scarto che da 22 punti è passato a 8 all’intervallo. Poi i Bucks sono tornati a fare quello che volevano in attacco, registrando i massimi in stagione per punti in un quarto, in un tempo e in una partita, spadroneggiando nel pitturato (74 punti contro i 42 dei Suns). Protagonista di nuovo Giannis Antetokounmpo con 30 punti, 12 rimbalzi, 6 assist e 4 stoppate, utili a interrompere una striscia di cinque sconfitte consecutive.

Minnesota Timberwolves-Memphis Grizzlies 99-107 — Nonostante si trattasse della seconda serata di un back-to-back, dell’ultima gara di una trasferta di 10 giorni e mancassero tre pezzi fondamentali come Marc Gasol, Tony Allen e Chandler Parsons, i Memphis Grizzlies hanno stretto i denti e sono andati a vincere sul campo dei T’Wolves. I ragazzi di Thibodeau erano alla prima gara dopo la terribile notizia della rottura del legamento di Zach LaVine, e hanno sprecato un vantaggio anche di 18 punti nel secondo quarto concedendo ben 38 punti nell’ultima frazione, dove gli undici punti a testa di Mike Conley (20 alla fine con 8 assist) e soprattutto del miglior JaMychal Green della carriera (29 punti con 8/11 al tiro e 12/12 ai liberi) hanno avuto la meglio sui giovani T’Wolves, a cui non è bastata la doppia doppia da 27+16 di Karl Anthony Towns per evitare la terza sconfitta in fila.

Atlanta Hawks-Orlando Magic 113-86 — Tutto facile per gli Hawks che tirano 27/41 dal campo (e 7/14 da tre) nel primo tempo e ipotecano virtualmente la partita già all’intervallo, chiuso sul 65-39. Decidono i 21 a testa di Millsap (in soli tre quarti) e Tim Hardaway Jr., ancora caldo dopo i 33 segnati a Houston, supportati dalle doppie doppie di Dennis Schroder (17+10 assist) e Dwight Howard (11+13 rimbalzi). Si tratta della vittoria n°15 nelle ultime 20 per la squadra della Georgia, facilitata da quella che Frank Vogel, l’allenatore di Orlando, ha definito “una terribile prestazione difensiva dei miei ragazzi, estremamente deludenti”. 

Indiana Pacers-Detroit Pistons 105-84 — Fanno sei vittorie in fila per Indiana, che contro Detroit ha un Paul George da 21 punti, un Lavoy Allen da 18 (+ 11 rimbalzi) e altri quattro giocatori a quota 13, in una delle migliori prestazioni corali della stagione. Gli ospiti sono ancora avanti di due all’intervallo (56-58), ma i Pacers tornano in campo trasformati: 49-26 il parziale del secondo tempo, e Pistons tenuti a 9/30 al tiro e 17 palle perse. Tre soli giocatori in doppia cifra per Detroit, con Marcus Morris a quota 19.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.