Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i risultati della notte: Jazz ok a Washington

NBA
Gordon_Hayward

Vittorie importanti in trasferta per Jazz e Celtics in chiave playoff. Toronto senza Kyle Lowry, batte all'Air Canada Center Portland. San Antonio passa facile allo Staples Center contro i Lakers

Washington Wizards-Utah Jazz 92-102 — Vittoria di prestigio per i Jazz sul campo degli Wizards, dove dal 6 dicembre in poi avevano perso solamente una volta contro i Cleveland Cavaliers. A fare la differenza è stata soprattutto la difesa e la fisicità degli ospiti, che prima hanno costretto gli Wizards al peggior primo tempo della stagione (39 punti col 37% dal campo) e poi li hanno dominati nel pitturato, stravincendo nei punti in area 46-28 e doppiando gli avversari a rimbalzo (52-27). Un dominio che porta la firma di Rudy Gobert (15 punti, 20 rimbalzi, 4 stoppate con 3 assist di pregevole fattura) e i contributi offensivi di George Hill (21 punti) e Gordon Hayward (30), autore anche dei canestri per ricacciare indietro la rimonta dei padroni di casa, rientrati dal -24 al -6 grazie ai 23 con 12 assist (ma 9 palle perse) di John Wall e i 22 (ma zero nel primo tempo) di Bradley Beal. 

Los Angeles Lakers-San Antonio Spurs 98-119 – Gli Spurs vincono ancora contro i Lakers e conquistano l’ottavo successo consecutivo contro i giallo-viola, il settimo in fila allo Staples Center in una sfida che negli ultimi anni è diventata via via sempre più proibitiva per i losangelini. Kawhi Leonard mette subito le cose in chiaro, segnando 16 dei suoi 25 punti nel primo quarto, gli stessi con cui vanno a riposo al primo intervallo i texani. Da lì in poi è sostanzialmente una gara in totale controllo per i nero-argento, abili amministratori di un vantaggio che non scende mai sotto la doppia cifra nei successivi tre quarti. Alla fine sono 12 i giocatori con almeno tre punti a referto e otto minuti trascorsi sul parquet in casa Spurs. “I record e i numeri degli ultimi 19 anni parlano da soli”, commenta l’ex di giornata Pau Gasol, autore di 15 punti in uscita dalla panchina. 

Milwaukee Bucks-Phoenix Suns 100-96 – I Bucks acciuffano una vittoria meno scontata del previsto contro Phoenix, grazie alla tripla realizzata a 8.5 secondi dal termine da Tony Snell, nata da uno scarico di Antetokounmpo, abile a leggere la difesa avversaria e a non perseguire a tutti i costi la soluzione personale. “È stata una grande lettura quella di Giannis, paziente e abile nel capire in anticipo cosa stava per accadere” commenta coach Jason Kidd. Il numero 34 dei Bucks chiude con 28 punti, 8 rimbalzi e 6 assist, richiamato in panchina a 5 minuti dal termine quando sul +9 sembrava che il risultato fosse ormai acquisito. Il ritorno in gran carriera dei Suns però ha costretto coach Kidd a ributtarlo nella mischia per gli ultimi delicati 45 secondi. Per fortuna che il greco ha risposto ancora una volta presente.

Toronto Raptors-Portland Trail Blazers 112-106 –Kyle Lowry non c’è per la seconda gara consecutiva, ma i Raptors vincono anche contro Portland sempre grazie al trascinante DeMar DeRozan di questa stagione, autore di 33 punti. I canadesi, sprofondati sul -12 a metà secondo quarto, sono stati bravi a piazzare subito un parziale da 15-2 che li ha portati all’intervallo in vantaggio di un punto. Ottimo il contributo di Serge Ibaka, che chiude il match con 18 punti e 10 rimbalzi, subito inserito nei meccanismi offensivi dei Raptors. Dall’altra parte invece non bastano i 28 punti di Damian Lillard a una squadra sempre incostante e incapace di inanellare una serie convincente di successi. Nuggets e Pelicans perdono, ma i Blazers non riescono ancora una volta ad approfittarne, in quella che appare sempre più una gara a chi ne perde meno e non a chi vince di più.

Detroit Pistons-Boston Celtics 98-104 — I Celtics rovinano la serata del ritiro della maglia numero 32 di Richard Hamilton andando a sbancare il Palace of Auburn Hills grazie a un protagonista inatteso. Isaiah Thomas chiude con 33 punti ma “solo” 8 nell’ultimo quarto in cui tira 1/7 dal campo, mentre è la tripla di Jaylen Brown a cambiare le sorti dell’incontro. Libero in angolo a 37 secondi dalla fine, il rookie ha segnato la tripla andando anche in lunetta per il tiro supplementare, ma paradossalmente il suo errore ha permesso ai Celtics di recuperare il rimbalzo e segnare altri due liberi con Marcus Smart, trasformando uno svantaggio di un punto in un vantaggio di 4. E dire che i Pistons erano riusciti a rientrare da -15, ma il 16/35 dalla lunetta di squadra (di cui 1/11 di Andre Drummond) li ha alla fine condannati alla sconfitta davanti a gran parte della squadra campione nel 2004, accorsa per celebrare “Rip” Hamilton.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport