Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, sorpresa New Orleans, Harden (41) non basta

NBA

A Houston non basta la 18^ tripla doppia stagionale di James Harden (41 punti, 14 rimbalzi, 11 assist) per evitare il brutto ko a New Orleans, 128-112. Assente DeMarcus Cousins, decisivi Solomon Hill al massimo in carriera con 30 punti e il solito Anthony Davis

Con due facile vittorie (+22 e +30) nelle due gare già disputate, Houston poteva aspettarsi poca resistenza dai New Orleans Pelicans nel loro terzo rendez-vous stagionale. L’ennesima tripla doppia di James Harden, autore di 41 punti, 14 rimbalzi e 11 assist – la sua sesta tripla doppia ai 40 dall’inizio dell’anno, più delle 5 di Russell Westbrook e di Oscar Robertson (nel 1963-64) – sarebbe dovuta bastare a regolare i padroni di casa, ma a tradire Mike D’Antoni è il resto del suo quintetto, che non manda un singolo giocatore in doppia cifra. Ne approfittano allora i Pelicans, che guidati dal massimo in carriera di Solomon Hill con 30 punti e dai 24 con 15 rimbalzi del solito Anthony Davis riescono a sorprendere Houston nonostante l’assenza di DeMarcus Cousins (New Orleans è 2-0 senza l’ex lungo dei Kings, 3-7 con lui il quintetto). “Quando manca ‘Boogie’ ognuno di noi sa di dover fare un passo in avanti – spiega Davis – mentre quando è in campo dobbiamo rallentare un po’ il ritmo e giocare maggiormente dentro/fuori” . Contro i Rockets l’attacco di New Orleans ha funzionato alla perfezione, come testimoniano due dati, il 53.3% al tiro (contro il 42% degli ospiti) e un offensive rating oltre i 120 punti per 100 possessi. 

Dominio Pelicans – È il primo quarto a decidere la gara, con il parziale di 36-23 dei Pelicans, guidato dai 14 con 5/6 al tiro di Hill, in un serata che lo ha visto chiude con 6 triple a segno su 8 tentate. Per tutti i tre quarti finali il vantaggio di New Orleans non scende mai sotto la doppia cifra, con Houston capace al massimo di avvicinarsi fino al -11. Harden a parte, i migliori marcatori per D’Antoni arrivano dalla panchina (13 di Lou Williams, 12 di Montrezl Harrell e 11 di Eric Gordon), mentre i restanti 4 membri del quintetto collezionano tutti assieme la misera di un solo assist (18 quelli complessivi, 11 di Harden). “Serata da dimenticare: ci hanno battuto su ogni pallone, su ogni rimbalzo, in ogni contropiede: on to the next one”, le parole di un D’Antoni ispirato da JAY Z. Per  i Pelicans – alla terza vittoria nelle ultime 4 giocate – ci sono anche 19 punti con 6 assist per Jrue Holiday, 11 alla sua terza partita NBA per Wayne Selden Jr. e 14 dalla panchina per Tim Frazier.   

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche