Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals, il tweet di J.R. Smith a fine gara: “Cavs in 7”

NBA

Mai nessuna squadra nella storia dei playoff NBA è riuscita a rimontare dopo essere andata in svantaggio 3-0 nella serie: secondo il numero 5 dei Cleveland Cavaliers, i campioni NBA in carica potrebbero essere i primi a riuscirci 

La tripla di Kevin Durant a 45 secondi dal termine è ancora lì che brucia negli occhi, che pesa sullo stomaco come un groppone difficile da mandare giù. Il canestro che sostanzialmente ha chiuso i giochi in gara-3 dopo che Cleveland era riuscita ad arrivare con sei punti di vantaggio agli ultimi due minuti e mezzo di partita. Da lì in poi è stato un monologo di Golden State: 11-0 di parziale, 3/3 dal campo, 4/4 ai liberi e i gesti perfetti di Curry e Durant ad affossare i Cavs nonostante le super prestazioni Kyrie Irving e LeBron James. Anche J.R. Smith ha decisamente battuto un colpo nel terzo episodio della serie, dopo essere stato impalabile nelle prime due sfide della Oracle Arena: 16 punti, 5/10 da tre punti (senza mai tentare la conclusione con i piedi dentro l’arco) e una sicurezza che sembrava smarrita a Oakland. Tutto inutile però, visto che alla fine a dettare legge sono stati nuovamente gli Warriors, ormai a un passo dalla leggenda dopo aver raccolto 15 vittorie consecutive senza incassare neanche una sconfitta. Una cavalcata storica, che potrebbe essere oscurata soltanto da un’impresa ancora più incredibile e impronosticabile: una rimonta da 0-3 a 4-3; cosa mai successa nella storia della post-season NBA. Ed è proprio J.R. Smith a credere che sia possibile riuscirci, come scritto instintivamente via social non appena ha rimesso i piedi nello spogliatoio, twittando tre semplici parole: “Cavs in 7.”, con tanto di punto finale quasi a intendere “è una cosa da fare”. Il diretto interessato ha già smentito di essere stato lui a scrivere il messaggio pochi istanti dopo la fine della gara: "Sono uscito dalla doccia e ho trovato il mio cellulare che stava esplodendo per il numero di messaggi ricevuti. Non l'ho scritto io, sono più intelligente di quanto possiate immaginare". Vere o false che siano le sue parole, il cinguettio è ovviamente stato rimosso dopo pochi minuti, ma il guanto di sfida ormai è stato lanciato. Verrebbe quasi da dirgli: "J.R. non c’era bisogno di mettere altro pepe su questa sfida, ma adesso che hai deciso di mettercelo, tocca iniziare a ballare la danza".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche