Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, no Leonard, no problem: Aldridge guida San Antonio al debutto vincente

NBA

Con 25 punti e 10 rimbalzi dell'ala fresca di estensione contrattuale, San Antonio rovina il debutto stagionale dei Big Three di Minnesota, cui non bastano i 26 punti di Andrew Wiggins. Bene anche Dejounte Murray al posto di Tony Parker in quintetto

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Le dichiarazioni di Gregg Popovich, che vede i suoi Spurs debuttare senza Tony Parker e Kawhi Leonard, arrivano chirurgiche appena prima del via: “Con LaMarcus [Aldridge] ho sbagliato, nel 98.75% dei casi se non si è trovato bene nel nostro sistema in questi primi due anni è stata colpa mia”. Dal timing della dichiarazione alla (curiosa) percentuale, non ci vuole molto per capire che le parole dell’allenatore degli Spurs sono il suo modo per stimolare a puntino il n°12 nero-argento, che non a caso risponde presenta alla prima chiamata stagionale: con 25 punti, 10 rimbalzi, 4 assist e 2 stoppate è proprio Aldridge a trascinare San Antonio alla vittoria su Minnesota, 107-99, festeggiando così nel migliore dei modi la recente estensione contrattuale da 72 milioni di dollari. Ma non arrivano solo dall’ex ala di Texas University le buone notizie in casa Spurs: anche il rimpiazzo in quintetto di Tony Parker (atteso al rientro solo a metà novembre) Dejounte Murray dà segnali positivi chiudendo con 7/8 al tiro e 16 punti, uno in meno di quelli messi a referto da Danny Green. È a metà del terzo quarto che San Antonio incominci a costruire il vantaggio decisivo, arrivando poi anche sul +13 dopo un recupero di un positivo Manu Ginobili (9 punti e 4 assist in 21 minuti), accolto in campo dai tifosi texani con una standing ovation simile a quella tributatagli durante l’ultima gara di playoff dello scorso anno, quando non erano sicuri di poterlo rivedere in maglia nero-argento. Una tripla a bersaglio di Nemanja Bjelica riduce a 10 le distanza al termine del terzo quarto ma Minnesota si rifà sotto fino al -1 (92-91), prima di bloccarsi nei cinque minuti finali di gara in cui segna solo due canestri dal campo consegnando così la vittoria a San Antonio. Per gli ospiti il migliore è un altro giocatore come Aldridge fresco di estensione contrattuale, Andrew Wiggins, i cui 26 punti (con un incoraggiante 4/6 da tre punti) sono spalleggiati dai 18 con 13 rimbalzi di Karl-Anthony Towns e dai 12 del neo-arrivato Jimmy Butler. 

Minnesota, serie nera contro gli Spurs

Continua la maledizione di San Antonio per la squadra allenata da coach Thibodeau: Minnesota ha sempre perso le ultime 12 partite disputate contro gli Spurs, e in Texas non ha mai vinto nelle ultime 8 sfide. Con 4/5 del proprio quintetto in doppia cifra (tutti tranne un Pau Gasol comunque positivo, da 7 punti, 7 rimbalzi, 4 assist e 3 stoppate) e una second unit guidata dal nuovo arrivato Rudy Gay (per lui 14 punti con 9 tiri in 24 minuti), San Antonio ha imposto sui giovani T’Wolves la propria stazza ed esperienza, dominando il duello a rimbalzo (50-42) e chiudendo con 11 stoppate contro le 4 degli ospiti, mettendo un freno nei minuti decisivi alla possibile rimonta di Towns e compagni. Per coach Popovich si tratta del 19° esordio stagionale vincente in 21 anni di panchina con gli Spurs. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche