Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Harden "cucina" anche gli Spurs: i Rockets vincono il derby texano

NBA

Il Barba chiude con 28 punti e 11 assist nel successo in trasferta dei Rockets a San Antonio: Houston raccoglie così il miglior record nella storia della franchigia dopo 50 partite (37-13). Agli Spurs, ancora senza l'infortunato Kawhi Leonard, non bastano i 22 punti di Danny Green e i 16 di LaMarcus Aldridge

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

San Antonio Spurs-Houston Rockets 91-102

IL TABELLINO

Quest’anno è tutto profondamente diverso. Dal maggio 2017 sembra passata un’eternità a San Antonio, a cui il derby texano contro Houston è risultato indigesto per la seconda volta in questa regular season. I Rockets infatti più di ogni altra squadra mettono in mostra una carenza dei nero-argento tanto amara quanto evidente: agli Spurs manca Kawhi Leonard. Lo staff medico parla ancora di problema al quadricipite che non si riesce a risolvere. Lui resta seduto in fondo alla panchina, a guardare con lo sguardo fisso i compagni, senza indossare ancora neanche la tuta. Nel frattempo sul parquet a dettar legge ci pensa l’MVP di queste prima 50 partite di regular season, ripresosi dalla sbronza da 60 punti in tripla doppia contro Orlando e ritornato per la prima volta sul luogo del delitto. Già, James Harden infatti proprio all’AT&T Center in gara-5 nella semifinale 2017 ha toccato il punto più basso della passata stagione: impalpabile in una partita da vincere a tutti i costi, il Barba fu umiliato dagli Spurs, restando segnato dalla stoppata da dietro in recupero piazzata dal vecchietto e malizioso Manu Ginobili. Quest’anno però la musica è cambiato, non solo perché a suonare nel suo gruppo è arrivato un giocatore d’eccezione come Chris Paul, ma anche perché il livello del gioco di Harden, se possibile, è salito ancora di più: alla sirena sono 28 punti, 11 assist e una presenza decisa e decisiva nella sfida. “Stiamo facendo dei grandi passi in avanti, soprattutto in difesa – commenta -, grazie agli stop difensivi, siamo sicuri poi di poter piazzare un parziale in ogni momento”. L’emblema della gara del Barba è a tutti gli effetti una vendetta. Anzi, una liberazione. Houston sul +12 a meno di quattro minuti dal termine subisce un parziale da 5-0. Timeout e tocca doverla vincere di nuovo. Palla a Harden che prima piazza una tripla dal palleggio (5/12 dall’arco) e poco dopo si ritrova sulla stessa dannata mattonella di nove mesi fa. Stavolta però Ginobili è di fronte a lui. Il Barba ci ragiona su, attira a sé l’argentino e lo punisce segnandogli in faccia la tripla e prendendosi anche il libero supplementare. “Game, set and match”, direbbe Flavio Tranquillo in telecronaca. I cattivi ricordi, meglio lasciarseli alle spalle.

Houston da record: mai fatto meglio dopo 50 gare

Non solo Harden in una partita in cui Houston ha fatto gara di testa per oltre tre quarti. Sono sei i giocatori in doppia cifra alla sirena, vista anche la ridottissima rotazione a disposizione di D’Antoni a causa delle assenze di Eric Gordon e Trevor Ariza causa infortunio. Clint Capela chiude con 14 punti e 13 rimbalzi (la 25^ doppia doppia in stagione, le stesse che aveva raccolto in totale nei tre anni precedenti), a cui si sommano i 15 punti di un Gerald Green che sta cavalcando con enorme piacere il ritmo che i Rockets danno alla partita (anche stanotte 3/11 dall’arco, per intenderci). Un successo che permette a Houston di eguagliare il miglior record nella storia della franchigia dopo 50 partite: 37-13, che nel 1993-94 coincise poi con la vittoria del titolo NBA. Dall’altra parte invece per una volta non è LaMarcus Aldridge il miglior realizzatore (16 e otto rimbalzi), ma un Danny Green da 22 punti, sei rimbalzi e tre triple. Da sottolineare poi la nona gara in doppia cifra alla voce rimbalzi di Dejounte Murray: mai nessuna point guard nella storia degli Spurs ne aveva avute così tante in una singola stagione. Lui in campo e Tony Parker (spompo) in uscita dalla panchina, assieme a Bryn Forbes (il migliore a gara in corso) e a una rotazione resa sempre più lunga da coach Popovich. “Alla fine a fare la differenza sono stati dei tiri realizzati da un paio di campioni. Chris [Paul] ci ha distrutto dal midrange nel momento peggiore con tre-quattro canestri pesantissimi, mentre James [Harden] ha segnato un paio di triple che solo lui può mettere. È il classico esempio in cui il talento fa la differenza”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche