Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, "buona la prima" per la coppia Gallinari-Harris: 24 punti a testa e Bulls ko

NBA

Ottima partita di Danilo Gallinari, che chiude come miglior marcatore di serata con 24 punti (e 9 rimbalzi) nella vittoria sui Bulls, mai davanti nel punteggio contro i Clippers. Altri 24 li aggiunge uno dei nuovi arrivati a L.A., Tobias Harris, subito positivo al suo debutto. Per Chicago è il sesto ko consecutivo

L.A. Clippers-Chicago Bulls 113-103

TABELLINO

In prima serata italiana, sul parquet dello Staples Center, Danilo Gallinari e i suoi L.A. Clippers scendono in campo contro i Chicago Bulls, in una gara dai tantissimi motivi di interesse — su tutti vedere all’opera per la prima volta con le nuove maglie i giocatori che hanno appena rinforzato i due roster. Detto addio a Blake Griffin, infatti, i Clippers possono schierare in quintetto sia Avery Bradley (anche se ancora alle prese con un guaio fisico all’inguine) che Tobias Harris e anche Boban Marjanovic dalla panchina mentre i Bulls — lasciato andare lo scontento Nikola Mirotic — accolgono in rotazione Jameer Nelson e Omer Asik, la cui presenza in campo però è rimandata al superamento dei rituali test medici. Quelle di Griffin da una parte e Mirotic dall’altra non sono le uniche due assenze, visto che coach Rivers dovrà fare a meno del figlio Austin (caviglia) e di Jawun Evans, mentre coach Hoiberg è senza due dei suoi migliori giocatori, Lauri Markkanen (motivi personali) e Kris Dunn (reduce da sintomi di un trauma cranico). Per noi italiani, ovviamente, il principale motivo di interesse resta la presenza in campo — a maggior ragione viste le assenze con un ruolo da protagonista — di Danilo Gallinari, rientrato mettendo a segno 15 punti nella gara contro Portland e chiamato a prendere in mano insieme a DeAndre Jordan i destini della squadra in questo delicato periodo di transizione, con i suoi Clippers determinati a scalare posizioni per entrare nella griglia playoff. I Bulls — reduci da cinque sconfitte in fila — sembrano avversario abbordabile.

Primo tempo

I Bulls segnano il primo canestro dopo oltre 4 minuti di gioco (0/7 al tiro per iniziare la gara), favorendo il parziale iniziale di 7-0 dei padroni di casa firmato dai canestri di Tobias Harris, Danilo Gallinari e Avery Bradley: i nuovi Clippers si presentano così. Il primo in particolare è tutt’altro che timido al suo esordio con la maglia (nera) di L.A.: si prende 7 tiri nel solo primo quarto, che chiude con 8 punti. Percentuali basse (attorno al 30% per entrambe le squadre, 1/6 anche per Danilo Gallinari), pochi canestri e una pallacanestro frammentaria sono le dirette conseguenze di due roster in profonda trasformazione, con i padroni di casa in grado di andare al primo riposo davanti 22-17. La carestia offensiva di Chicago continua anche in apertura di secondo quarto e L.A. ne approfitta per allungare sul +13 coi punti in uscita dalla panchina di Lou Williams. Si accende anche il “Gallo”, con una tripla e due canestri consecutivi abusando difensivamente di Paul Zipser, che lo portano in doppia cifra con ancora 7 minuti da giocare nel primo tempo. Il tedesco però si fa valere in attacco (4/4 al tiro con tre triple a segno) e i suoi canestri permettono ai Bulls di accorciare uno svantaggio che dopo aver toccato i 15 punti rientra a soli 5 (con la tripla da nove metri di Zach LaVine) all’intervallo (57-52). “Abbiamo fatto calare l’intensità difensiva e il ritmo di gioco, due errori che non possiamo permetterci”, l’analisi di Gallinari dopo la prima metà di gara, chiusa dall’azzurro con 12 punti e 5 rimbalzi.

Secondo tempo

Due schiacciate dei due nuovi arrivati — Harris e Bradley — riportano il vantaggio dei Clippers in doppia cifra ma l’elastico tra le due squadre rimane sempre lo stesso — tra i cinque e i dieci punti — per l’intero terzo quarto, senza che i padroni di casa riescano a chiudere il conto anche in virtù della vena offensiva di Justin Holiday e Zach LaVine, che permette a Chicago di iniziare gli undici dodici minuti con soli 6 punti di svantaggio (87-81). I canestri di Gallinari prima e quelli di Lou Williams sono quelli che riportano i Clippers al massimo vantaggio di serata, +15, facendo toccare quota 100 ai  giocatori di coach Rivers (e “chi arriva primo a 100 vince”, recita la celebre regola del commentatore tv dei Clippers, Ralph Lawler). Regola confermata anche contro una versione onestamente difficile da giudicare dei Bulls, troppo condizionati dalle assenze e mai davanti nel punteggio lungo tutto l’arco della gara. Le indicazioni più positive per L.A. arrivano proprio da Danilo Gallinari, miglior marcatore di serata con 24 punti e 9 rimbalzi (e un ottimo 8/14 al tiro, con 3 triple a bersaglio) e dal neo-acquisto Tobias Harris, autore anche lui di 24 punti arrivati in mille modi diversi, a dimostrazione proprio di quella versatilità che lo ha portato in California. I Clippers hanno 20 punti anche da Lou Williams, infallibile in lunetta (11/11) e disastroso da tre punti (0/7). Per Chicago — al sesto ko consecutivo — ci sono 21 punti per Zach LaVine e altri 5 giocatori in doppia cifra, inutili però per uscire vittoriosi dallo Staples Center.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche