Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Sundays: super sfida tra Cavaliers e Spurs, due big in cerca di riscatto

NBA

Cleveland-San Antonio è una sfida piena di spunti tra due grandi squadre che affrontano per ragioni diverse dei momenti di rinnovamento (domenica in diretta dalle 21.30 su Sky Sport 2). I Cavaliers vanno a caccia di un nuovo assetto, mentre gli Spurs devono fare i conti con le assenze e la stanchezza. Entrambe però avranno lo stesso obiettivo: vincere e rilanciare le proprie ambizioni

Il piatto forte della domenica sera offerto dalla NBA mette una di fronte all’altra Cleveland e San Antonio, una delle sfide più affascinanti che due volte all’anno ci riserva la regular season. Un mese fa LeBron James raggiunse quota 30.000 punti in carriera proprio all’AT&T Center, ricevendo il caloroso abbraccio di Dwyane Wade (allora suo compagno), del pubblico dei nero-argento e di coach Gregg Popovich, suo grande estimatore sin dai primi tempi. Nonostante la gara da record del numero 23 però, a vincere furono i padroni di casa, sempre in vantaggio nella ripresa grazie ai 30 punti di LaMarcus Aldridge e a un super Dejounte Murray da 19 punti, dieci rimbalzi e sette recuperi. Dalla gara d’andata dello scorso 24 gennaio sono cambiate un sacco di cose, a partire proprio dagli Spurs affaticati e in enorme difficoltà di quest’ultimo mese. Per i texani infatti da quel giorno sono arrivati soltanto quattro successi e ben sette sconfitte (sei delle quali incassate nelle ultime sette gare). Un tracollo dovuto prima di tutto a un roster che deve fare i conti con l’età che avanza e con gli infortuni che ne stanno decimando la composizione. Impossibile non ricordare la prolungata assenza di Kawhi Leonard, ancora alle prese con il forte dolore a quadricipite definito “clinicamente guarito”, ma che continua a non dargli tregua. Qualche giorno fa coach Popovich ha sottolineato come lui preveda che la stagione del numero 2 sia già finita (solo nove apparizioni sul parquet per l'MVP delle Finals 2014, a cavallo del nuovo anno), visto che ormai manca poco più di un mese al termine della regular season e Leonard è ancora lontano dalla forma ottimale. LaMarcus Aldridge sta provando in ogni modo a tenere a galla gli Spurs, ma i risultati non sembrano giustificare un terzo posto a Ovest che vede San Antonio allontanarsi dalle prime due della classe, avvicinandosi invece pericolosamente alle inseguitrici alle spalle. La terza posizione a Est è anche quella occupata dai Cavaliers, che a differenza dell’andata avranno ben quattro giocatori diversi, con sei che nel frattempo hanno lasciato la franchigia dell’Ohio (Thomas e Wade su tutti, ma la lista è davvero bella lunga). Il record della versione Cavaliers 2.0 è di 3-1, ma la chimica e l’intesa è ancora un miraggio. A tirare la carretta ci pensa sempre il solito James, che non smette di inanellare triple doppie. Il numero 23 è uno dei candidati forti al titolo di MVP a fine stagione: a Cleveland infatti cambiano tutte le gerarchie, ma non cambia il monarca. Almeno fino al prossimo luglio, quando il mercato potrebbe riservare ulteriori sorprese.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche