Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Dirk Nowitzki infinito: 31.000 punti in carriera

NBA

A quasi un anno di distanza dai 30.000 punti in carriera, la stella dei Dallas Mavericks ha aggiornato il suo bottino toccando quota 31.000, il sesto giocatore di sempre a riuscirci nella storia della NBA. E chissà che il prossimo anno...

Non sarà iconico e rotondo come il traguardo dei 30.000 punti, ma ogni piccola “milestone” della carriera di una leggenda come Dirk Nowitzki va celebrata degnamente. Contro gli Oklahoma City Thunder il tedesco dei Dallas Mavericks ha aggiornato il suo bottino in NBA arrivando a 31.000, segnando un canestro in allontanamento in maniera molto simile (e dallo stesso lato) a come aveva realizzato quello precedente quasi un anno fa, il 6 marzo 2017. La stella dei Mavs è il sesto giocatore della storia a raggiungere tale quota, lasciandosi alle spalle LeBron James che nel corso di questa stagione è entrato anche lui nel club dei 30K (creando giusto ieri quello dei 30.000+8.000+8.000), e chissà per quanto tempo ancora potremo continuare ad ammirare le gesta dell’MVP delle Finals 2011. In questa stagione Nowitzki ha anche superato il muro dei 50.000 minuti in campo (peraltro con una maglia con un errore di battitura…) e finora ha saltato solamente una partita, viaggiando a 25 minuti a partita con 12.2 punti e 5.7 rimbalzi di media. Soprattutto, Dirk è alla sua miglior stagione della carriera per percentuale da tre, tirando il 42.2% su oltre 4 tentativi a partita. Solamente nel 2009-10 era andato vicino a tenere numeri del genere dall’arco chiudendo con il 42.1%, ma con un volume di tiri nettamente inferiore (1.5 a partita, solo nell’anno da rookie aveva fatto peggio). Segno che un po’ di benzina nel corpo ancora c’è, anche se la mobilità è oramai quella che è e la squadra costruita attorno a lui non è in grado di trascinarlo per regalargli un ultimo giro ai playoff. L’obiettivo, però, è quello di giocare un altro anno per sfondare il muro delle venti stagioni nella stessa squadra, lasciandosi alle spalle Kobe Bryant e John Stockton per prendersi il primato solitario. La sua storia d’amore infinita con i Dallas Mavericks lo meriterebbe.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche