Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Philadelphia spreca di tutto, Milwaukee ringrazia e vince con Antetokounmpo

NBA

I Sixers costruiscono due vantaggi di 20 e 19 punti nel primo e nel secondo tempo, ma li sprecano con 26 palle perse (record stagionale) e lasciano spazio alla rimonta dei Bucks di Antetokounmpo, decisivo 35 punti, 9 rimbalzi e 7 assist. Per Marco Belinelli 10 punti in uscita dalla panchina.

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Forse un giorno Milwaukee e Philadelphia si giocheranno qualcosa di più importante ai playoff, ma per il momento tra di loro la corsa è solamente ristretta al posizionamento nella Eastern Conference. E in caso di arrivo in volata nelle ultime partite, la gara di stanotte potrebbe rivelarsi determinante. I Sixers di Marco Belinelli infatti devono mangiarsi le mani per quello che si sono fatti sfuggire, visto che erano riusciti a costruire un vantaggio di venti punti nel primo quarto (41-21) e poi, dopo essersi fatti riprendere sul 51 pari, erano riusciti a tornare sopra di 19 all’inizio del secondo tempo. Da lì in poi i Bucks hanno però aperto un parziale di 31-5 di cui 21 consecutivi, propiziati non solo da 10 dei 35 punti di Giannis Antetokounmpo (autore anche di 9 rimbalzi e 7 assist con 14/23 al tiro), ma soprattutto da 9 delle 26 palle perse dei Sixers, il massimo stagionale per i ragazzi di coach Brett Brown. “Potrei lasciare la conferenza stampa in questo momento e voi tutti potreste comunque scrivere la storia della partita” ha scherzato l’allenatore di Philadelphia con i giornalisti dopo la gara, sottolineando l’altissimo numero di palloni buttati via dai vari Joel Embiid (19 punti e 8 rimbalzi, ma anche 7 perse), Ben Simmons (12+15 assist, ma con 6 palloni persi) e J.J. Redick (17 ma con 5 turnovers). Per Marco Belinelli 10 punti in 24 minuti in uscita dalla panchina, tirando 3/8 dal campo e 1/3 dall’arco, aggiungendo solamente una palla persa al conto totale dei Sixers ma senza lasciare ulteriore traccia (un rimbalzo, un assist e un fallo). Come spesso accade il migliore degli ospiti è stato Dario Saric autore di 25 punti (di cui 15 solamente nel primo quarto), nonché sostenuto da un contingente decisamente nutrito di oltre 400 sostenitori arrivati direttamente da Philadelphia — una rarità per la NBA. Gli ascoltatori del noto podcast “The Rights To Ricky Sanchez” hanno organizzato la trasferta fino a Milwaukee per “protestare” contro il premio di rookie dell’anno vinto da Malcolm Brogdon davanti a Embiid e Saric lo scorso anno, ma visto che la guardia dei Bucks è infortunata, sono passati a fischiare sonoramente Tony Snell ogni volta che toccava la palla. Ci vogliono tifosi speciali per “Trust the Process”.

La grandezza di Antetokounmpo e il contributo di Zeller e Terry

Nella scorsa estate il proprietario dei Bucks Wes Edens aveva dichiarato con una frecciata che, piuttosto che parlare di “processo”, avrebbe preferito parlare di risultati. E il risultato di questa partita gli ha dato ragione, con i Bucks che dopo aver preso la testa della gara non si sono più voltati indietro, capitalizzando sulle palle perse degli avversari e mandando sei giocatori in doppia cifra per respingere l’ultimo assalto degli ospiti, tornati a -4 nel corso dell’ultimo quarto. Oltre al già citato Antetokounmpo l’unico a chiudere sopra quota 20 è stato Eric Bledsoe (22+7 assist), mentre coach Joe Prunty è riuscito a pescare un jolly inaspettato in Tyler Zeller, alzatosi dalla panchina per dare fastidio a Joel Embiid (che su di lui ha speso un fallo Flagrant di tipo 1) e sfruttare gli assist di Giannis, toccando quota 11 con 5/8 dal campo ma soprattutto chiudendo con un eccellente +22 di plus-minus (superato solamente dal clamoroso +29 di Jason Terry). Grazie anche ai 13 punti di Jabari Parker i Bucks sono riusciti a interrompere una striscia di quattro sconfitte in fila mantenendosi così solamente a mezza partita da distanza dai Sixers, proprietari del sesto posto a Est e a loro volta a una gara di distanza da Washington. Milwaukee guida la serie stagionale contro Philly per 2-1 ma manca ancora una partita, quella del prossimo 11 aprile quando si avrà un quadro più chiaro della corsa ai playoff: chissà che a Philadelphia non finiscano per rimpiangere i due vantaggi a quota 20 sprecati in questo scontro diretto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche