Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Davis dominante trascina i Pelicans: tutto facile contro i Celtics

NBA

I Pelicans ritrovano il successo nel momento cruciale nella corsa ai playoff, battendo in casa i rimaneggiati Celtics grazie al parziale nel secondo tempo. A trascinare New Orleans ci pensa come al solito Anthony Davis, che chiude con 34 punti e 11 rimbalzi in 32 minuti

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

New Orleans Pelicans-Boston Celtics 108-89

IL TABELLINO

Il racconto del primo tempo

Terry Rozier in quintetto è anche il primo a trovare il fondo della retina, titolare assieme ai due lunghi schierati da coach Stevens contro Anthony Davis ed Emaka Okafor. I Pelicans si affidano sempre al numero 23, ma non trovano mai il canestro nei primi tre minuti, graziati dai Celtics che a loro volta faticano a segnare. Quando Davis inizia a ingranare le marce, la partita sale di colpi e fortunatamente anche lo spettacolo. Dall’altra parte a rispondere è soprattutto Jayson Tatum e al primo intervallo è 15-10 Boston con otto punti realizzati dal rookie. La partita è piacevole, anche perché le difese sono in modalità primo pomeriggio, nonostante gli attacchi battano un po' in testa. Davis dopo otto minuti è già in doppia cifra alla voce punti, ma nonostante questo al secondo timeout Boston è sul 22-18. I Pelicans cercano anche altri realizzatori e l'unico a rispondere presente è Nikola Mirotic, mentre dall'altra parte Marcus Morris trova ritmo, canestri e punti preziosi per i Celtics. A fine primo quarto sono 11 quelli del gemello di Markieff e 28-20 Boston. A inizio seconda frazione Ian Clark trova il gol per i Pelicans, dopo che New Orleans non era mai andata a segno dalla lunga distanza nei primi 12 minuti. La partita è bruttina, ma il fatto che ci sia Tatum sul parquet permette di godersi i gesti e i movimenti di un talento chiaramente diverso dagli altri, nonostante l'età. Boston in un modo o nell'altro resta avanti, con Tatum a 13 punti e una rotazione ridotta ai minimi termini. Cheick Diallo aggiunge otto punti in quattro minuti dalla panchina e ridà un po' di fiato a New Orleans, così torna a esserci un solo possesso di distanza tra le squadre. A tutto il resto pensa Davis, sempre uno spettacolo da vedere in campo, capace di volare ad altezze che raggiunge letteralmente solo lui. All'intervallo lungo è 49-47 Celtics, con 19 punti di Davis da una parte e 15 di Tatum dall'altra.

Il racconto del secondo tempo

L'equilibrio è totale, anche quando il ritmo si impenna a vantaggio dei padroni di casa. Rondo quando parte in transizione fa il gesto di chiamare in avanti in fretta i suoi, prima di buttare in aria il pallone e sperare che il numero 23 a rimorchio vada a prendersi i punti. Il movimento del corpo di Davis è vertiginoso per la difesa dei Celtics e coach Stevens è costretto a chiamare timeout dopo l'11-3 di parziale New Orleans. Boston ha bisogno di qualcuno a cui affidarsi e Tatum risponde presente, continuando a mettere insieme canestri di una bellezza e difficoltà unica. Il testa a testa tra lui e Davis è entusiasmante, con entrambi che scollinano oltre quota 20 punti con 20 minuti ancora da giocare. Non appena Mirotic trova un minimo di ritmo, i Pelicans mettono la freccia e volano oltre la doppia cifra di vantaggio (anche perché Tatum è in panchina a prendere fiato per qualche minuto). Boston però non si ferma, resta mentalmente nel match e trova un paio di canestri pensantissimi con Larkin e Horford. Di nuovo -6 Celtics e a chiamare il timeout allora è coach Gentry. L'allenatore di New Orleans è soddisfatto del numero di assist messi a referto dai suoi (25 su 30 canestri totali), ma Boston resta attaccata grazie a ottime letture di Larkin. Niente fuga dunque, ma a fine terzo quarto è 82-76, nonostante i 35 punti concessi dai Celtics nel periodo. Diallo è un fattore con i suoi 14 punti, ma a inizio quarto periodo va a sbattare contro il muro verde alzato da Boston, che prova a partire dalla difesa per riprendere in mano la gara. Nader a cronometro fermo fa 0-4, lasciando i suoi sul -8 a seguito dell'ennesimo canestro di Mirotic. L'inerzia infatti è tutta dalla parte di New Orleans e quando Rondo va fino in fondo i Pelicans ritrovano il massimo vantaggio a +11. L'attacco di Boston batte in testa e al ritorno in campo Davis segna un canestro di una bellezza imbarazzante. 92-79 Pelicans e timeout Celtics. Boston però non ne ha più, a differenza dei padroni di casa che mantengono la doppia cifra di vantaggio. Il ritmo sta tutto da una parte e a cinque minuti dalla sirena sembra non esserci più storia, con New Orleans che tocca il +20 grazie a una giocata da point guard di Davis. La partita oltre 30 punti e 10 rimbalzi è già assicurata per il numero 23, che spadroneggia nel finale.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche