Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Donovan Mitchell incanta, Lakers battuti, Utah ai playoff con la quinta vittoria in fila

NBA

Guidati dalla grande prestazione della loro matricola (28 punti, 9 rimbalzi, 8 assist) i Jazz diventano la quarta squadra ad assicurarsi un posto ai playoff a Ovest: è la seconda qualificazione consecutiva, nonostante la partenza estiva di Gordon Hayward

CLICCA QUI PER IL TABELLINO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Los Angeles Lakers-Utah Jazz 97-112

Gli Utah Jazz diventano solo la quarta squadra della Western Conference a qualificarsi per i playoff (dopo Rockets, Warriors e Blazers) e lo fanno non a caso trascinati da una grandissima serata di Donovan Mitchell, il loro rookie meraviglia, pescato solo alla 13^ chiamata dell’ultimo Draft e l’unico credibile avversario di Ben Simmons per il premio di matricola dell’anno. Sul parquet dello Staples Center il prodotto di Louisville manda a referto una prestazione da 28 punti (ben sopra la sua media stagionale di 20.4) con 9/18 al tiro e tre triple a segno, ma anche 9 rimbalzi e 8 assist. Dalla stagione 1983-84 i Jazz diventano così solo la quinta squadra a centrare la qualificazione ai playoff avendo come loro miglior realizzatore un giocatore al primo anno (i Nuggets di Carmelo Anthony, gli Spurs di David Robinson, i Pacers di Chuck Person e i Bulls di un certo Michael Jordan gli altri quattro precedenti). “Una sensazione fantastica aver raggiunto l’obiettivo playoff”, le parole di Mitchell a commentare la seconda qualificazione in fila di una squadra che in estate ha perso il suo unico All-Star (Gordon Hayward) e che cavalca un momento super positivo, avendo vinto le ultime cinque gare ma soprattutto 28 delle ultime 32 disputate (19-28 il record della squadra di coach Snyder al 22 di gennaio). Ovviamente tali successi non si spiegano solo con il rendimento di un unico giocatore: ben cinque anche contro i Lakers gli uomini in maglia Jazz in doppia cifra, con le doppie doppie di Joe Ingles (22 punti e la bellezza di 10 assist) e Derrick Favors (10 più 13 rimbalzi) ma anche i 18 di Jae Crowder e i 15 di Royce O’Neale dalla panchina, in una partita che non ha mai visto i Lakers davanti nel punteggio e che Utah ha dominato arrivando ad avere fino a 22 punti di vantaggio. Merito per gran parte anche di una difesa capace di tenere i Lakers al 40% dal campo e a percentuali ancora peggiori dall’arco, come testimoniato dal 5/25 conclusivo dei gialloviola. L.A. rientra a -6 all’intervallo ma il terzo quarto è decisivo, con Utah capace di dominare la frazione 32-23. 

Il massimo in carriera di Tyler Ennis

Sono dei Lakers “in maschera” quelli che scendono in campo allo Staples Center contro Utah: mancano infatti Lonzo Ball, Brandon Ingram e si aggiunge anche l’assenza di Kyle Kuzma, fermato da un leggero dolore alla caviglia sinistra. Si spiega anche così la sesta sconfitta nelle ultime otto gare, incassata nonostante i 25 punti con 10/18 al tiro di un positivissimo Josh Hart, i 22 di Tyler Ennis che vanno a libri come suo massimo in carriera e i 17 con 7 rimbalzi di Julius Randle. Le percentuali al tiro però tradiscono gli uomini di coach Walton che partono male e non riescono mai veramente a rientrare in partita: restano solo due gare – contro Houston e poi il derby contro i Clippers – per chiudere una stagione in chiaro-scuro, in miglioramento rispetto al recente passato ma forse sotto le aspettative di tifosi e ambiente. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche