Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, cosa succede a Russell Westbrook?

NBA

Nelle tre gare contro i Jazz le sue cifre parlano di una tripla doppia di media ma qualcosa non va nella point guard dei Thunder. Dalle difficoltà difensive su Rubio, alla pessima efficienza offensiva, passando per un non meglio chiarito guaio fisico. Attenzione a Russell Westbrook in gara-4...

A chi guarda le sue cifre dopo le prime tre gare di playoff una cosa salta subito all’occhio: dopo aver chiuso sia la scorsa che questa stagione NBA in tripla doppia di media, il flirt di Russell Westbrook con la doppia cifra in punti, rimbalzi e assist non accenna a perdere d’intensità: 20.7 punti, 11 rimbalzi e 10 assist di media finora per lui anche contro i Jazz, nel primo turno di playoff che però vede i suoi Thunder sotto 2-1 e chiamato a gara-4 ancora nello Utah. Eppure c’è qualcosa che non va, nelle prestazioni del n°0 di OKC se analizzate più da vicino. Nell’unica vittoria dei suoi – la prima gara della serie – tutto bene (o quasi: solo 10/25 al tiro, ma comunque 29 punti, 13 rimbalzi e 8 assist). Poi però nelle due uscite più recenti – due sconfitte – per Westbrook ci sono stati solo 33 punti (16.5 di media), 11 palle perse, solo un tiro segnato su tre (12/36) e un plus/minus di -30. In generale, nelle tre gare disputate da OKC, il net rating della superstar dei Thunder è fortemente negativo: se quello di squadra fa registrare un -5.1, quello di Westbrook è di non poco peggiore (-13.7). Con lui in campo l’attacco di Oklahoma City produce soltanto 93.7 punti per 100 possessi (il peggior dato di squadra) mentre vola nei (pochissimi) minuti in cui tira il fiato in panchina (143.9, miglior dato di squadra, ma poco indicativo perché misurato su soli 32 minuti nella totalità delle tre partite). Complici, forse, alcuni problemi fisici che si sono evidenziati quando sul finire di gara-3 lo staff medico dei Thunder ha eseguito alcuni trattamenti sulla parte superiore del suo corpo. Chiedere a lui lumi sul possibile infortunio, però, non ha generato nessuna spiegazione: “Ci sono parecchi fastidi dal punto di vista fisico, ma questo è comune a me e a tutti gli altri giocatori della lega a questo punto dell’anno”, ha tagliato corto Westbrook. Se non un guaio fisico, di sicuro a spiegare le difficoltà (sempre relative, sia chiaro) di Westbrook c’è anche la difesa messa in campo da Utah, che può contare sulla fisicità di Derrick Favors e Rudy Gobert nella seconda linea dietro, a scoraggiare le frequenti incursioni al ferro di Westbrook, autentico marchio di fabbrica del giocatore. “Se vede un buco nella nostra difesa, ci si fionda immediatamente – conferma coach Snyder – per cui ognuno di noi dev’essere sempre al massimo dell’allerta per cercare di contenerlo. Tenere sempre un corpo – possibilmente due – di fronte a Westbrook sembra la prima regola difensiva dei Jazz, anche se da sola non può bastare certo a fermare l’MVP NBA in carica. “Sappiamo che finirà per segnare i suoi punti ma vogliamo che li segni con più tiri possibili”, confida Ricky Rubio. 

Il duello con Rubio

E proprio Rubio – autore in gara-3 di una clamorosa tripla doppia da 26 punti, 11 rimbalzi e 10 assist – ha messo in luce le deficienze anche difensive di Westbrook, giocatore potenzialmente devastante anche nella metà campo dietro ma che spesso e volentieri durante la stagione accende e spegne troppo la propria intensità difensiva. Rubio difatti, contro il n°0 di OKC, sta viaggiando a +2.6 punti per 100 possessi rispetto alla sua normale produzione offensiva e non aiuta neppure che Westbrook sia invece a -12 quando accoppiato con la point guard spagnola in attacco. Il primo dato, reso evidente dalla grande prestazione del n°3 di Utah, ha generato la dichiarazione che ha rubato i titoli nel post-partita di gara-3: “Vi garantisco che Rubio non segnerà più quei suoi tiri di m***a”, le parole di uno spavaldo Westbrook. E conoscendolo gara-4 sarà davvero tutt’altra storia, perché pochi altri atleti anche nella NBA pareggiano la voglia di agonismo e il senso della sfida dell’All-Star dei Thunder. Ora chiamato a dimostrare queste caratteristiche una volta di più. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche