Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, coach Kerr a Manu Ginobili: "Fai come Federer: se ami il tuo lavoro, continua"

NBA

A fine partita l’allenatore degli Warriors è corso ad abbracciare l’argentino, consigliandogli di seguire il consiglio che in estate è arrivato da Federer: rimandare il ritiro fino a quando ami il tuo lavoro. E Ginobili sembra avere ancora gli stimoli giusti

Spesso in NBA si parla di legacy, rispetto e stima tra i protagonisti che sul parquet fino alla sirena finale dell’ultima gara della serie sono pronti a darsi battaglia l’uno contro l’altro. Un esempio lampante di tutto questo è il saluto tra Steve Kerr e Manu Ginobili, ex compagni e adesso avversari in due ruoli diversi. Uno fa l’allenatore, mentre l’altro non vuole smettere di scendere in campo, anche all’alba dei 41 anni che compirà il prossimo 28 luglio. L’argentino è stato l’ultimo a mollare la presa anche stavolta, anche quando gli altri non ci credevano più, dando del filo da torcere ai campioni NBA in carica. A fine partita, con la serie chiusa 4-1 in favore degli Warriors, Kerr è corso ad abbracciare Ginobili dandogli un consiglio sul suo futuro: “Voglio che continui a giocare, davvero. Devi proseguire, ok? Perché no? Abbiamo incontrato Roger Federer questa estate in Cina e gli ho chiesto: ‘Perché continui a giocare’ e mi ha risposto: ‘Perché amo quello che faccio’. Se è ancora la tua passione, prosegui, dannazione”. Parole registrate assieme all’abbraccio a bordocampo, mentre dal soffitto della Oracle Arena scendevano i coriandoli per celebrare la vittoria degli Warriors che potrebbe sancire la fine della carriera del n°20 degli Spurs. In conferenza stampa poi l’allenatore di Golden State ha raccontato l’accaduto, sottolineando: “È un mio amico. Ho giocato con lui nel lontano 2003, una vita fa, ed è incredibile che sia ancora qui pronto a scendere in campo e a dare battaglia, mettendoci passione e gioia. La mia speranza è che non sia stata la sua ultima apparizione e l’ho detto anche a lui. È un divertimento per tutti vederlo scendere in campo e riuscire a fare ancora la differenza”. A livello di contrattuale la situazione in realtà è molto più chiara rispetto a 12 mesi fa, avendo firmato un biennale da 5 milioni di dollari la scorsa estate: “Nulla è cambiato rispetto al recente passato, non so cosa farò – racconta il diretto interessato -. Mi prenderò uno, due mesi di riposo per tirare il fiato e vedere come mi sento. Non sono il tipo che prendere decisioni d’impulso, quando magari si è amareggiati, delusi o qualcosa di simile. Preferisco far passare un po’ di tempo e vedere come vanno le cose”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche