Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018, Utah-Houston 92-113: prova di forza dei Rockets, Jazz annichiliti, serie sul 2-1

NBA

Tutto facile per gli Houston Rockets sul campo dei Jazz, annichiliti da un parziale che all’intervallo vede gli ospiti già sopra 70-30. I texani hanno 25 punti a testa da Eric Gordon e James Harden (che ci aggiunge 12 assist) e tengono Donovan Mitchell a soli 2 punti fino all’ultimo minuto del terzo quarto

IL TABELLINO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Utah Jazz-Houston Rockets 92-113

Il primo quarto racconta già tantissimo della terza sfida tra Jazz e Rockets: gli ospiti, perso il vantaggio del fattore campo dopo la sconfitta interna di gara-2, arrivano nello Utah determinati a riprendere il controllo della serie e dopo i primi dodici minuti la missione sembra già compiuta. Finisce infatti 39-22 per Houston la prima frazione, con uno sforzo corale che vede 7 punti a testa per P.J. Tucker e James Harden (con anche 5 assist), 6 di Trevor Ariza e 4 a testa di Chris Paul e Clint Capela. “Volevamo essere noi gli aggressori, loro avevano segnato 36 punti nel primo quarto in gara-2, volevamo fare lo stesso oggi”, racconta Harden appena suonata la sirena finale. Gli ospiti non sollevano il pedale dall’acceleratore neppure nel secondo quarto: mettono a segno altri 31 punti (contro i soli 18 dei Jazz) e vanno all’intervallo con un rotondo +30, 70-40, chiudendo di fatto la gara e frustrando ogni velleità dei padroni di casa. A tradire Utah è il bambino-prodigio (e candidato rookie dell’anno) Donovan Mitchell: quando segna una tripla a 35 secondi dalla fine del terzo quarto, il canestro vale per i punti n°3, 4 e 5 della sua partita (saranno 10 alla fine, con un pessimo 4/16 al tiro). Prima di allora tanti errori in una serata assolutamente da dimenticare, tanto per lui, che per la sua squadra, che deve anche fare a meno di Derrick Favors, che si gira una caviglia, è costretto a uscire e non ritorna in campo. Houston allora non deve far altro che amministrare il vantaggio costruito nel primo tempo, che aumenta fino al +38 sull’85-47 con cinque minuti da giocare nel terzo quarto: sugli scudi Eric Gordon, autore di 25 punti dalla panchina frutto di un ottimo 8/13 al tiro con 4 triple a segno, un Clint Capela da 11 punti, 8 rimbalzi ma soprattutto 4 stoppate e un Chris Paul da 15, 7 rimbalzi e 6 assist. I Rockets non tirano neppure particolarmente bene da tre punti (11/36, sotto il 31%) ma hanno il 48% abbondante dal campo e costruiscono canestri più facili, come testimoniato dai 26 assist (contro i soli 17 degli avversari) ma anche dal doppio del numero di punti ottenuti in contropiede (20-10). Chris Paul e compagni hanno cura del pallone (solo 9 perse, di cui 4 di Nene Hilario e 3 di Capela) mentre approfittano delle 16 perse dei Jazz per mettere a referto 19 punti. Tra i padroni di casa il migliore è Royce O’Neal, che si batte come un leone e chiude con 7/10 dal campo per 17 punti: ne aggiunge 14 dalla panchina Alec Burks, e Utah vede due soli altri giocatori in doppia cifra, Rudy Gobert autore di 12 punti e 9 rimbalzi e il Mitchell impreciso al tiro di cui sopra. Houston si riprende facilmente il vantaggio del fattore campo nella serie e ora aspetta gara-4 domenica con l’idea di provare a indirizzare definitivamente la sfida, per guadagnarsi il primo match point già in gara-5 tra le mura amiche.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche