Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, J.R. Smith: offerti 3.000 dollari per la sua maglia indossata in gara-1

NBA

Sul sito ufficiale della NBA dedicato alla vendita di maglie originali dei giocatori è già partita l'asta. Non tutti vogliono la maglia di James, Durant o Curry: c'è anche chi punta a portare a casa quella 'simbolo' indossata da J.R. Smith

È stato il momento cruciale e a suo modo storico della sfida tra Cleveland e Golden State, quello che suo malgrado ha indirizzato uno scontro già di per sé segnato in partenza: gara-1, meno di cinque secondi al termine dei regolamentari, J.R. Smith che vola a rimbalzo d’attacco sull’errore a cronometro fermo di George Hill, con il n°5 che non punta il ferro, ma porta fuori dall’area il pallone convinto che i Cavs fossero già avanti nel punteggio. Il tabellone invece recita 107-107, impedendo così ai vice-campioni NBA di tentare la conclusione che sarebbe potuta valere il successo. Un errore di valutazione atroce, preludio a un overtime straperso da Cleveland e a una serie di polemiche lunghissima. Offese via social, le immagini del timeout con la disperazione di LeBron e l’inizio della fine per i Cavaliers battuti 4-0 senza appello in finale. Un’azione da ricordare quindi soprattutto per i tifosi degli Warriors, disposti a pagare un bel po’ di verdoni per portarsi a casa un cimelio come la maglia indossata da J.R. Smith al termine di gara-1. Sul sito NBA Auction (dedicato alla vendita di memorabilia originali) l’asta è già partita e un fan di Golden State (almeno, gli indizi lasciano pensare che non sia un tifoso dei Cavaliers) ha già messo sul piatto 3.000 dollari per portarsi a casa una canotta dal valore simbolico elevatissimo. Certo, quella con cui LeBron James ha realizzato i 51 punti ha già sfondato il muro dei 90.000 dollari (e continuerà a crescere), ma quello a suo modo è un risultato pronosticabile, visto il nome scritto sul retro e l’importanza della miglior prestazione realizzativa ai playoff del n°23 dei Cavs. Così come i 30.000 dollari offerti per quella di Kevin Durant o i 35.000 di Steph Curry: cifre attese, ma meno significative di quei 3.000 dollari (al momento si può rilanciare offrendo 50 dollari in più) in parte inaspettati. C’è tempo nei prossimi tre giorni e mezzo di alzare la puntata e portare a casa la maglia con cui “Smith ha segnato 10 punti, distribuito sei assist e raccolto due rimbalzi”, come recita la descrizione. “Uno di quei due dovrebbe essere stato catturato in attacco, se la memoria non mi inganna…”, sottolineerà l’acquirente che uscirà vincitore dall’asta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche