24 settembre 2018

NBA, Los Angeles Lakers, LeBron James: "È come il primo giorno di scuola, non ho paura di niente"

print-icon

Le prime parole ufficiali da giocatore dei Lakers del n°23, il primo a salire sul podio delle interviste in casa Lakers: "Il mio gioco non cambia in base ai giocatori che ho al mio fianco: credo di potermi adattare al meglio in qualsiasi contesto"

LEONARD: "RINNOVO? PENSO SOLO A QUESTA STAGIONE"

GLI SCATTI E LE IMMAGINI DEI NUOVI ARRIVI

IL RACCONTO DEL MEDIA DAY NBA

ANTHONY E I NUOVI ROCKETS: "CONOSCO IL MIO RUOLO"

“Arrivato a questo punto della tua carriera LeBron, che cosa può metterti sotto pressione?”. “Niente”. Basta una sola parola al n°23 dei Lakers per lanciare un segnale nei 13 minuti di conferenza stampa tenuti durante il Media Day d’apertura della stagione. James è il primo a salire sul palco in casa giallo-viola, in quella che per i prossimi quattro anni sarà casa sua: “La mia scelta è stata fatta basandomi esclusivamente sulle esigenze della mia famiglia e pensando ai Lakers. Sono un giocatore di basket: quando riesco a farlo al meglio, tutto il resto va al suo posto”, replica a chi gli chiede se la città di Los Angeles abbia influito sulla sua Decision 3.0. Un’avventura certamente particolare e un progetto che può esaltarlo sul parquet: “Sono molto felice di avere attorno a me un bel po’ di trattatori di palla di primissimo livello, giocatori che possono fare tante cose diverse: domani per me sarà come il primo giorno di scuola”. A lui però toccherà vestire i panni del maestro quasi con tutti; non con Rajon Rondo, rivale di tante epiche battaglie e adesso compagno di squadra: “In tutto l’arco della mia carriera e da quando ho iniziato ad averlo come rivale, Rondo è sempre stato uno dei giocatori più celebrali, intriganti e intelligenti contro cui ho dovuto competere”. Dunque, pace fatta anche con uno dei suoi peggiori nemici sul parquet (di Stephenson ci sarà tempo e modo di parlare), pronti a seguire l’esempio del Re: “Il mio obiettivo resta quello di migliorarmi ogni singolo giorno. Non mi aspetto nulla che non sia frutto del lavoro e dello sforzo. Il mio gioco non cambia in base ai giocatori che ho al mio fianco: credo di potermi adattare al meglio in qualsiasi contesto. Non credo che vincere il titolo sia l’unico modo per dimostrare di avere avuto successo al termine di una stagione. Porta a casa l’anello soltanto una squadra e questo non vuol dire che tutti gli altri abbiano fallito”. Accontentarsi del secondo posto però non sembra essere nelle sue corde, né in quelle dei Lakers.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi