Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Dwyane Wade dice addio alla sua Chicago: "Una città diversa da tutto il resto"

NBA

La standing ovation, il video tributo e i cori da MVP: il n°3 degli Heat saluta lo United Center con un successo davanti ai parenti, agli amici e a tutta la sua gente

MIAMI PASSA A CHICAGO: BULL AL 10° KO IN FILA

Se si pensa al campo e alle imprese sul parquet nell’unica complicata stagione in carriera con la maglia dei Bulls, Dwyane Wade sarebbe passato quasi inosservato nell’ultima partita giocata alla United Center. Il n°3 degli Heat però è un figlio di Chicago e il pubblico di casa ha deciso di tributargli una standing ovation non appena ha messo piede sul parquet, con tanto di video tributo proiettato a margine del successo in trasferta di Miami. Un saluto caloroso, uno dei tanti ricevuti in questa lunga regular season da parte di Wade che ha già detto addio a 11 città, ma che ben sapeva che il calore della sua gente sarebbe stato particolare rispetto al resto: “Mi sono sentito in maniera diversa rispetto alle altre serata, è stata un’emozione unica. Ho tantissimi amici a Chicago, più che in ogni altra parte degli USA. Qui sono nato, da questi posti è partita la mia idea e la mia ambizione di diventare un giorno un giocatore NBA”. Molti tifosi sono rimasti a lungo assiepati a cavallo delle ringhiere a bordo campo, mettendo in bella mostra la maglia n°3 di Wade dei Bulls (e alcuni anche quella dei Cleveland Cavaliers), in attesa di un gesto e magari di un autografo da parte dell’uomo del giorno. Lo stesso Wade ha raccontato che sugli spalti ci fossero almeno 70 persone tra parenti e amici, a partire da Gabrielle Union – la moglie seduta in prima fila a godersi lo spettacolo. Sul parquet il n°3 degli Heat ha fatto il suo: 14 punti, dieci rimbalzi e sette assist decisivi nella vittoria di Miami. “La sensazione è quella di un sogno che diventa realtà, il ragazzo di Chicago che torna a casa e riceve l'omaggio alla sua gente – sottolinea Jabari Parker, un altro che conosce bene la città e la legacy lasciata da Wade – tutti lo adorano sin dai tempi della high school. Il suo mito è nato qui”.

Gli autografi e il “particolare” scambio di maglia

Alla sirena finale il coro di tutto lo United Center è per lui – anche perché, visti i risultati raccolti dai Bulls, non c’è molto altro su cui porre attenzione. “MVP, MVP, MVP!”, ripetono a lungo in coro, mentre Wade non riesce come vorrebbe a fermarsi un attimo e godersi il momento. “Il nostro obiettivo era che tutto filasse liscio e per fortuna ci siamo riusciti – racconta coach Spoelstra – volevamo che la sfida fosse già chiusa in anticipo, così da lasciare spazio soltanto a lui negli ultimi minuti e garantirgli la standing ovation che meritava. Eravamo curiosi di vedere come la folla avrebbe scelto di dirgli addio per l’ultima volta. Sì è meritato il rispetto e l’onore di una serata del genere”. Poi, come gli è successo al termine di ogni sfida quest’anno, lo scambio di maglia con uno dei giocatori più rappresentativi della squadra avversaria. E visto che il roster di Chicago offriva una scelta limitata, ci ha pensato Benny the Bull – la mascotte dei Bulls – a risolvere il problema: “È una delle attrazioni principali, uno dei simboli della franchigia”, commenta Wade stringendo la n°1 fatta preparare per lui. Un siparietto seguito poi dal lungo rituale degli autografi, per una volta senza lasciare scontento nessuno e firmando qualsiasi cosa gli capitasse nelle vicinanze. “Dannazione, mi fa male la mano a furia di scrivere”, racconta sorridente mentre alza la testa per l’ultima volta verso gli spalti e poi si incammina verso lo spogliatoio, lasciandosi definitivamente lo United Center alle spalle.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.