Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James: buone notizie in allenamento, ma niente sfida contro Phoenix

NBA

Il n°23 dei Lakers è tornato ad allenarsi con i compagni per la prima volta nell'ultimo mese, mostrando progressi, ma confermando la sua assenza nella sfida contro Phoenix: sarà la 16^ partita dei Lakers senza James, lo stop più lungo della sua carriera

LEBRON E GIANNIS CAPITANI ALL'ALL-STAR GAME

LA NBA SI INTERROGA SULL'INFORTUNIO DI LEBRON JAMES

La situazione e il recupero prosegue per il meglio, ma di rivedere LeBron James in campo ancora non se ne parla. Luke Walton ha commentato felice l’ultima sessione d’allenamento a cui il n°23 ha preso parte per la prima volta in maniera completa, anche per quel che riguarda la fase “con contatto”, in cui si gioca con gli altri e il corpo viene testato anche dallo scontro con i compagni. Non ci sono video a comprovarlo, ma è facile immaginare che tutti siano stati molto attenti a non rischiare di aggravare la situazione dell’inguine di LeBron. “Ha fatto tutta la seduta, è stata una gioia per gli occhi rivederlo in campo con noi – racconta coach Walton – sì, sa ancora giocare discretamente bene a pallacanestro, nel caso ve lo stesse domandando”. Il 5-10 di record raccolto senza di lui però fa sorridere molto meno e potrebbe essere migliorato nella sfida contro Phoenix in casa, a cui James non prenderà parte. Un match da non sottovalutare, visto che i gialloviola in queste ultime settimane complicate sono riusciti nell’impresa al contrario di perdere allo Staples Center sia contro i Cleveland Cavaliers che contro i derelitti New York Knicks. E considerando anche la lunga assenza di Lonzo Ball (oltre a quella di Josh Hart, rimasto a guardare l’allenamento dei compagni a causa di un problema al ginocchio), la situazione non si è certo fatta più semplice. Anzi. “È un anno in salita a causa di tutte queste assenze, ma l’obiettivo è quello di ricompattarci, tenere botta e ripartire forte dopo l’All-Star Weekend”, racconta Ball, senza fare i conti nel dettaglio. La corsa playoff dei Lakers, al momento noni e fuori dalla post-season, passa anche dalle otto gare che i gialloviola dovranno affrontare nei prossimi 20 giorni, sei dei quali in trasferta (uno è il derby con i Clippers). Sfide complicate come quella contro Golden State, con Boston e due volte con Philadelphia. Un bel problema insomma, visto che continuare a perdere potrebbe rendere semi-impossibile la risalita negli ultimi due mesi. Calcoli che avrà fatto nel dettaglio anche LeBron, pronto a togliere un po’ di polvere dal vestito da Superman e a lanciarsi di nuovo nella mischia. Los Angeles e soprattutto i Lakers hanno bisogno di lui, il prima possibile.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.