Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, l'All-Star Game saluta Charlotte e approda a Chicago: ecco il logo per il 2020

NBA

Un nome fa da ideale testimone nel passaggio di consegne dalla città del North Carolina a quella dell'Illinois: è quello di Michael Jordan, proprietario degli Hornets e leggenda dei Bulls. Mentre il logo del prossimo All-Star Game si ispira alla bandiera cittadina

TEAM LEBRON BATTE TEAM GIANNIS: KEVIN DURANT MVP CON 31 PUNTI

VIDEO. LE GIOCATE PIU' SPETTACOLARI DELL'ALL-STAR GAME

ALL-STAR GAME, LE FOTO PIU' BELLE DELLA SERATA

Da Michael Jordan a Michael Jordan: oggi proprietario degli Charlotte Hornets, ieri indimenticabile leggenda dei Chicago Bulls, non poteva esserci personaggio migliore per siglare la staffetta tra la sede dell’All-Star Game appena andato in archivio e il prossimo, previsto per il weekend del 14-16 febbraio 2020. Sarà Chicago infatti – come già annunciato ormai da tempo – a raccogliere il testimone dalla città del North Carolina, e proprio durante un time-out della partita delle stelle quello che da molti è considerato il più forte giocatore di tutti i tempi ha consegnato nelle mani del presidente dei Bulls Michael Reinsdorf – figlio di Jerry, proprietario già ai tempi di MJ – il pallone simbolo dell’investitura di Chicago a prossima sede dell’All-Star Weekend. Se il passaggio di consegne era annunciato, a fare notizia invece è la presentazione del nuovo logo per il prossimo weekend delle stelle: proprio come accaduto per la creazione delle maglie versione “city edition” dei Bulls, il logo prende spunto dalla bandiera della città dell’Illinois, che prevede quattro stelle a sei punte e due strisce orizzontali. Le prime stanno a indicare quattro importanti eventi storici nella storia della città mentre le due strisce azzurre stanno a simbolizzare la prima l’acqua del lago Michigan e della parte settentrionale del Chicago River e la seconda la parte sud dello stesso fiume e il grande canale cittadino. Nel logo sono incorporati anche i colori storici delle divise della squadra, il rosso e il nero. Nel nome della continuità – una continuità che porta il nome di Michael Jordan – ecco allora che il grande carrozzone della NBA saluta Charlotte e dà appuntamento a tutti a Chicago fra 365 giorni per la 69^ edizione della partita delle stelle: dallo Spectrum Center allo United Center, da una società di proprietà di MJ a una città che accoglie i propri tifosi con una sua statua davanti all’arena. Perché a più di 20 anni dal suo ultimo anello in maglia Bulls, Jordan è ancora uno dei grandi simboli globali della NBA. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.