Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Los Angeles Lakers, adesso è complicato arrivare ai playoff. E LeBron non ci sta

NBA

Il n°23 dei Lakers ha sottolineato il suo disappunto dopo la dolorosa sconfitta contro New Orleans che allontana ancora di più i playoff: "Non siamo abituati, abbiamo paura di giocare sotto pressione. E io non sono un giocatore abituato a perdere, non lo sarò mai"

HOUSTON VINCE IN CASA GOLDEN STATE SENZA HARDEN

ANTHONY DAVIS NON C'È, I LAKERS NEANCHE: LEBRON KO A NEW ORLEANS

“In quanti si rendono conto della posta in gioco se non hanno mai disputato nella loro carriera una partita di playoff?”. Un quesito semplice e provocatorio quello posto da LeBron James, infastidito al termine della sfida contro i Pelicans. “Sto recitando la parte dell’avvocato del diavolo, capite cosa intendo? È sempre complicato parlare di queste cose, bisogna restare in bilico su una linea sottilissima perché certe volte ti sembra di non essere incisivo, di non riuscire a motivare abbastanza i tuoi compagni. Altre invece la paura è quella di risultare sgradevole con dei commenti eccessivi. Quindi il segreto è imparare a essere tranquilli nelle situazioni di disagio. Alle volte sembra che abbiamo paura di ritrovarci in difficoltà o di essere costretti a uscire fuori dalla nostra comfort zone, di non avere quel senso di urgenza e lasciare in spogliatoio i timori prima di scendere sul parquet. Voglio dire: quante partite abbiamo ancora da giocare? Ventitré? Affrontiamole al meglio e vediamo cosa accede”. Parole necessarie al termine di una sconfitta bruciante, in una serata che all’apparenza poteva essere molto positiva per i Lakers: impegnati nel testa a testa con i Kings per accaparrarsi il ruolo di prima inseguitrice alle spalle di Clippers e Spurs, i losangelini dovevano affrontare un avversario abbordabile come i Pelicans, a differenza di Sacramento chiamata a battere i Thunder a domicilio. Buddy Hield e compagni però sono riusciti ad approfittare della modesta serata al tiro di Paul George e dalla stanchezza accumulata nei due overtime da OKC per vincere in volata una sfida decisiva. I Lakers invece sono crollati oltre i 20 punti di svantaggio nella ripresa contro un avversario che ha tenuto in panchina il suo miglior giocatore [Anthony Davis ha riposato, evitando ulteriore tensione in una sfida di per sé già molto particolare] e ben otto partire al di sotto del 50% di vittorie. Una gara da vincere a tutti i costi contro una squadra senza obiettivi, diventata la sconfitta che potrebbe segnare l’inizio anticipato della fine della stagione.

L’esperienza playoff e il precedente con i Cavaliers

A livello di esperienza ai playoff, LeBron sapeva bene a cosa stesse andando incontro. Reduce da otto finali NBA consecutive, il n°23 dei Lakers ha collezionato 13 apparizioni consecutive ai playoff dopo aver mancato l’appuntamento con la post-season nelle prime due stagioni ai Cavaliers. Il tutto per un totale di 239 presenze in carriera: mettendo insieme gli altri 13 componenti del roster (tra cui Rajon Rondo, Lance Stephenson, JaVale McGee e altri giocatori con diversi anni NBA alle spalle) si arriva a 289 totali. Sei di questi – Kyle Kuzma, Brandon Ingram, Lonzo Ball, Josh Hart, Moe Wagner e Alex Caruso – non ne hanno mai giocata una. “Negli ultimi anni tutti si sono abituati a delle sconfitte che invece io non sono abituato a subire. Non sono dei fallimenti frequenti nella mia carriera. Non mi sentirò mai a mio agio quando perdo. Per quello, uscire sconfitto nella prima sfida della stagione a Houston in casa genera in me lo stesso fastidio di incassare un ko alla 59^ partita della regular season contro New Orleans. È semplicemente il modo in cui sono fatto, questo è quello che sono”. Un messaggio simile a quello che James fu costretto a lanciare per scuotere i suoi nuovi compagni all’inizio della sua seconda esperienza in maglia Cavs, puntando il dito contro “le cattive abitudini” e l’attitudine a incassare le sconfitte da parte dei giovani Kyrie Irving e Dion Waiters nel 2015. Quel campanello dall’allarme in Ohio però suonò a novembre, non a fine febbraio. Il tempo potrebbe già essere scaduto questa volta.

La difesa che non funziona e il calendario in salita

Interrompere la striscia più lunga della storia dei Lakers senza playoff diventa dunque una delle imprese più complicate della carriera del n°23: “Sapevo bene che sarebbe stata una sfida molto complicata, soprattutto per l’esperienza pregressa di un roster alle prime armi. Conoscevo i rischi e il compito che avrei dovuto svolgere, ma continuo a pensare che potremmo giocare decisamente meglio di così. E nel momento in cui ci stavamo riuscendo purtroppo è arrivato il mio infortunio e quello di Lonzo Ball che hanno rallentato la nostra crescita”. A fare acqua da tutte le parti in questa fase è la difesa, che contro New Orleans ha incassato per la nona gara consecutiva in trasferta almeno 115 punti: peggior striscia nella storia della franchigia ed ennesimo record negativo aggiornato. Il vero problema adesso è il calendario che i Lakers saranno costretti ad affrontare nelle prossime settimane: ai gialloviola tocca vedersela ancora due volte contro Milwaukee e una con Golden State, Toronto, Boston e Denver. Nessuno scontro diretto con gli Spurs e ben due derby con i Clippers – cruciali per recuperare terreno sulla squadra di Danilo Gallinari. Di mezzo però ci sono anche i già citati Kings, da affrontare il 25 marzo in quello che sarà il passaggio cruciale dell’ultimo mese di stagione dei Lakers. Sacramento ha un calendario decisamente più facile e nelle prossime settimane sembra sempre più la squadra su cui dover fare la corsa per prendersi l'ottavo posto. A livello d'esperienza anche nella capitale californiana non sono messi meglio dei gialloviola: i Kings infatti mancano dai playoff da 13 anni. Da quando LeBron in sostanza ha iniziato a dominare, in una sfida incrociata in cui Sacramento spera per una volta di recitare i panni della squadra vincente. James permettendo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.