Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, serata di conferme: Denver batte Minnesota, Milwaukee passa a New Orleans

NBA

Denver controlla la sfida contro Minnesota e condanna i T’wolves nonostante i 34 punti di Towns, I Bucks battono a domicilio senza grossi problemi i Pelicans. Vittorie più sofferte e combattute del previsto per Indiana e Philadelphia contro New York e Cleveland

LEBRON BATTE I BULLS E NON ABBANDONA LE SPERANZE PLAYOFF

VIDEO. TUTTI GLI HIGHLIGHTS

GALLINARI OUT, CLIPPERS KO. GLI SPURS VINCONO ANCORA

New Orleans Pelicans-Milwaukee Bucks 113-130

Tirare meglio spesso è molto più utile del tirare tanto. Lo dimostrano i Milwaukee Bucks corsari in trasferta a New Orleans, che vincono nonostante i padroni di casa tentino ben 107 conclusioni totali dal campo, di cui 47 dall’arco (contro le 97 degli ospiti). È il nuovo record per tentativi da tre punti nella storia della franchigia della Louisiana, che trova il fondo della retina soltanto in dieci occasioni dalla lunga distanza – le stesse di Milwaukee, alla quale servono però anche 11 tentativi in meno. Non è solo l’aritmetica però a condannare New Orleans, ma soprattutto il super terzo quarto a livello offensivo giocato dai Bucks, che segnano 45 punti in 12 minuti e tengono botta contro la miglior versione di Anthony Davis delle ultime settimane, la cui presenza è come al solito centellinata con il contagocce. Il n°23 dei Pelicans segna 17 punti nel solo terzo quarto (in una partita da 21 in 21 minuti) ed è la ragione per cui New Orleans non affonda dopo mezz’ora di gara, ma come previsto Davis resta a guardare i compagni dalla panchina per tutta l’ultima frazione, lasciando che Milwaukee controlli la doppia cifra di margine senza troppi problemi. Alla sirena finale sono 24 punti, nove rimbalzi e cinque assist per Giannis Antetokounmpo, a cui si aggiungono i 23 di Khris Middleton, quelli di tutto un quintetto titolare in doppia cifra e i 14 di Nikola Mirotic, alla prima da ex contro i Pelicans. Un passato turbolento che è meglio lasciarsi alle spalle: adesso con Milwaukee le prospettive sembrano molto più rosee.

Denver Nuggets-Minnesota Timberwolves 133-107

Jamal Murray firma 19 dei suoi 30 punti totali nel secondo tempo in una prova corale con cui i Nuggets superano senza grossi problemi Minnesota. Denver chiude con 40 assist a referto di squadra, massimo in stagione per una squadra che si conferma seconda forza a Ovest. Una vittoria in cui tutti mettono lo zampino: 23 punti di Paul Millsap; 18, otto rimbalzi e sette assist di Nikola Jokic; 16 punti di Monte Morris in uscita dalla panchina. Funziona tutto, tanto che i rimaneggiati T’wolves provano invano a fare affidamento sul solo Karl-Anthony Towns: 34 punti, dieci rimbalzi, tre assist con 14/25 al tiro in 32 minuti di gioco. Minnesota infatti deve fare a meno di Wiggins, Rose e Teague, costretta a fare affidamento per oltre 25 minuti su Cameron Reynolds – il rookie arrivato da Tulane confermato con il secondo contratto da dieci giorni che chiude con 12 punti (manco a dirlo, massimo in carriera). La notizia in casa Nuggets invece è che Isaiah Thomas, pienamente recuperato dopo i tanti problemi fisici, resta a guardare i compagni per tutti e 48 i minuti, prima che lo stesso coach Malone sottolinei  che la sua scelta è quella di tenerlo fuori. I Nuggets hanno dimostrato di poter fare molto bene anche senza di lui.

Indiana Pacers-New York Knicks 103-98

I Pacers hanno bisogno della vittoria per restare a pari merito con Philadelphia per il terzo record a Est: la visita dei derelitti Knicks, che si presentano nell’Indiana con 6 sconfitte in fila, sembra l’ideale ma New York vende cara la pelle, approfittando di una prestazione non certo all’altezza degli uomini di coach McMillan. I Pacers sono guidati dai 24 punti di Bojan Bogdanovic e salvati dalle giocate decisive di Darren Collison nel finale, quando New York – andata sotto anche di 16 nel quarto quarto – torna a contatto. Oltre ai 16 punti di Collison, Indiane ne ha 15 con 9 rimbalzi da Myles Turner, 14 dall’ex Wesley Matthews e 10 con 7 rimbalzi dalla panchina da Domantas Sabonis, mentre Emmanuel Mudiay è il migliore dei suoi con 21 punti seguito dai 18 di Damyean Dotson. 

Philadelphia 76ers-Cleveland Cavaliers 106-99

A tre minuti dalla fine Cleveland è in partita a Philadelphia e i tifosi dei Sixers – stanchi delle 21 palle perse dei propri giocatori – non risparmiano i fischi: li deve aver sentiti soprattutto Joel Embiid, che schiaccia a rimbalzo d’attacco due punti decisivi e poi suggella la vittoria con 4 liberi consecutivi, finendo con 17 punti, 19 rimbalzi e 5 assist (“Ho fatto schifo”, l’auto-valutazione del camerunense). Meglio di lui fa Ben Simmons, che chiude con 26 punti, 10 rimbalzi, 8 assist e un ottimo 10/16 al tiro, mentre 17 li aggiunge anche J.J. Redick. Con i Sixers senza Jimmy Butler e i Cavs senza Kevin Love, il migliore per Cleveland è la matricola Collin Sexton che ha 26 punti all’attivo con 11/20 al tiro, ma 18 ne mette anche Cedi Osman.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.