Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Irving trascina, Tatum lo segue: a Boston qualcosa è cambiato, in meglio

NBA

I 37 punti di Irving uniti ai 26 di Tatum (massimo raccolto dai due come somma in stagione) lasciano ben sperare i Celtics: trovare la giusta chimica di talento è la chiave per provare a fare più strada possibile ai playoff

INDIANA CROLLA NEL FINALE: BOSTON VINCE ANCHE GARA-2

“Stavo provando a segnare più punti possibile nel terzo quarto per restare a galla, mentre loro continuavano a segnare. Non siamo partita al meglio dopo l’intervallo lungo, non come immaginavamo. Ma succede alle volte. Ai playoff bisogna saper limitare i danni nei momenti complicati e anche per questo abbiamo fatto un grande lavoro in gara-2. Tutti, nessuno escluso. La pallacanestro non è soltanto una questione relativa al numero di canestri segnati, ma una somma di piccole cose. È stata una vittoria conquistata con la grinta. Abbiamo capito che stavamo affrontando un gruppo di veterani, che c’era bisogno del gruppo e penso che questa volta si è visto quello che siamo in grado di fare”. Dopo mesi di polemiche, di provocazioni e critiche, Kyrie Irving veste i panni del leader distensivo e conciliante. Facile, direte voi, dopo aver giocato la prima grande partita della sua carriera ai playoff in maglia Celtics. Lo scorso anno era rimasto a osservare da bordocampo i giovani terribili della sua squadra andare oltre le aspettative, ma in sei mesi di regular season la somma con il suo talento era diventata sottrazione. La pallacanestro non è aritmetica, almeno fino a quando non si trova la giusta alchimia di talento: a quel punto spesso si passa alle moltiplicazioni e la speranza in casa Celtics è che questa gara-2 serva a indicare la via. “È stata una sensazione unica recitare da protagonista su un palcoscenico del genere. Ho fatto tantissima strada per arrivare a questo punto, dai playoff passati a guardare gli altri a causa di un doppio intervento alle ginocchia”. Irving è ciò che manca ai Pacers, che nel momento di massima necessità non hanno saputo a chi affidarsi in attacco – ogni riferimento a Victor Oladipo non è puramente casuale. Trentasei punti dopo, Boston sente di aver fatto un primo deciso passo in avanti in questa post-season (e non solo per il 2-0 nella serie, che nel 93% dei casi garantisce il passaggio del turno). Si parte da Irving e spesso si terminerà con la palla nelle sue mani, gli avversari sono avvisati.

Tatum mai così bene al fianco di Irving: così le cose funzionano per i Celtics

Il suo però non è stato un assolo, un acuto nel deserto, ma il sapiente risultato di un’alternanza vincente con Jayson Tatum – che chiude con 26 punti, dieci dei quali realizzati nel quarto periodo. Il n°0 di Boston non segnava così tanto dallo scorso 14 gennaio, quando ne mise 34 a referto in una gara persa contro Brooklyn: in quell’occasione Irving non era sul parquet e i suoi canestri vennero interpretati come una provocazione. “È un giocatore speciale, lo ha dimostrato per l’ennesima volta – sottolinea Tatum – per noi è una fortuna averlo come leader del gruppo, qualcuno in grado di fare cose di questo tipo e con la sua esperienza pregressa”. Tutto risolto – sembra – a parole e soprattutto sul parquet, visto che nel finale è stato Tatum a prendere e segnare la tripla del definitivo sorpasso a 51 secondi dalla sirena (su scarico di Jaylen Brown, altro giocatore spesso accusato da Irving). Una somma di talenti che per una volta ha portato Boston a fare un passo avanti e non due indietro. “Sono felice di essere diventato uno dei pochi giocatori a mettere a referto queste cifre in un'arena storica come il TD Garden. Questa maglia porta con sé sensazioni particolari, diverse dalle altre". Sugli spalti però qualcuno ha continuato a mugugnare, convinti del fatto che Irving a fine stagione deciderà lo stesso di fare le valigie e cambiare aria. La vera soddisfazione al momento per il n°11 dei Celtics però è quella di aver fatto ricredere i sostenitori del partito "giocavamo meglio senza di lui". No, d'ora in avanti questa Boston non può fare a meno del suo leader.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche