Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, OKC-Portland 120-108: Westbrook mantiene la promessa, OKC vince gara-3

NBA

Con 33 punti e 11 assist di Russell Westbrook e una grande prestazione al tiro, Oklahoma City accorcia le distanze e si porta sul 2-1 nella serie contro Portland. Ai Blazers non basta uno straordinario Damian Lillard da 32 punti di cui 25 nel solo terzo quarto

SIAKAM 30 E LODE, TORONTO PASSA A ORLANDO

BOSTON SBANCA INDIANA E VA SUL 3-0

VIDEO.TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Oklahoma City Thunder-Portland Trail Blazers, 120-108

Una risposta doveva arrivare e una risposta è arrivata da Russell Westbrook. Dopo aver definito lui stesso come “inaccettabile” la sua gara-2 e aver promesso ben altra prestazione in gara-3, il numero 0 degli Oklahoma City Thunder ha mantenuto fede al suo impegno, chiudendo con 33 punti e 11 assist. E sono serviti tutti a OKC per accorciare le distanze nella serie contro Portland, anche perché Paul George — pur chiudendo con 22 punti, 6 rimbalzi e 6 assist — ha segnato solo 3 dei 16 tiri tentati (in compenso ha tirato 14/17 ai liberi), mentre a fare la differenza è stato il supporto dei vari Jerami Grant (18 punti con 4/5 da tre), Dennis Schröder (17 con due triple a segno) e Terrance Ferguson (9 grazie a tre triple su quattro tentativi). Il tiro dall’arco è stato il grande protagonista in casa Thunder: dopo il tremendo 10/61 delle due gare a Portland, i ragazzi di coach Billy Donovan hanno realizzato 15 delle 29 conclusioni tentate da tre, un 51.7% che fa tutta la differenza del mondo in una serie così tirata tra due squadre che decisamente non si amano — specialmente tra le loro stelle.

Lillard 25 punti nel terzo quarto, ma non basta a Portland

Westbrook e Damian Lillard hanno proseguito il loro duello anche in Oklahoma, con il primo che ha tirato fuori la celebre esultanza del “Rocking the baby” a inizio terzo quarto, quando i Thunder hanno toccato il massimo vantaggio sul +15 e sembravano in totale controllo del match. Che fosse per quel gesto o per la situazione difficile dei suoi, da quel momento in poi Lillard ha risposto da campione: dopo un primo tempo da 2/6 al tiro per 4 punti, il numero 0 di Portland è esploso nel terzo quarto segnando 25 punti nella frazione con 8/11 al tiro e 3 triple su 4, riportando di peso i suoi a contatto e facendo rabbrividire l’intera Oklahoma City con una prestazione mostruosa. L'ultimo a segnare così tanti punti in un quarto di una partita di playoff, infatti, era stato Allen Iverson nel 2001 segnandone 26. Per sua sfortuna però non è riuscito a replicare l’exploit anche nell’ultimo quarto, quando i Thunder hanno cominciato a raddoppiarlo lasciando più spazio a Enes Kanter (9 dei suoi 19 punti sono arrivati nella frazione finale). Alla fine i suoi 32 punti e i 21 di C.J. McCollum sono bastati a Portland per evitare la sconfitta, pagando le 18 palle perse (anche se 14 nel primo tempo) e senza riuscire a pareggiare la “disperazione” dei Thunder, che non potevano assolutamente permettersi di finire sotto 0-3. Il fallo tecnico preso da Russell Westbrook nell’ultimo minuto di gioco per i reiterati insulti e provocazioni verbali nei confronti degli avversari apparecchiano la tavola per una gara-4 che si preannuncia imperdibile nella notte tra Pasqua e Pasquetta alle 3.30 del mattino.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche