Please select your default edition
Your default site has been set

Draft NBA, allarme rientrato per Zion Williamson: andrà in NBA (e ai Pelicans)

NBA

Nonostante le voci degli ultimi giorni, la futura prima scelta assoluta farà il salto in NBA e comincerà la sua carriera ai New Orleans Pelicans. Il giocatore ha incontrato le prime due squadre del Draft a Chicago e non vede l’ora di cominciare il suo percorso nella lega di Adam Silver

Le speculazioni sono durate meno di 24 ore prima di essere spente sul nascere: no, Zion Williamson non ritornerà a Duke, ma come prevedibile si presenterà al Draft e il prossimo anno sarà in campo, presumibilmente con la maglia dei New Orleans Pelicans. L’indiscrezione riportata da Brian Windhorst di ESPN è stata prontamente smentita non appena il giocatore si è trovato di fronte ai New Orleans Pelicans e ai Memphis Grizzlies, le squadre con le prime due scelte al prossimo Draft. Come twittato da Shams Charania di The Athletic, l’incontro con i Pelicans è stato positivo e già prima della Lottery il giocatore aveva citato i Pelicans come una squadra con la quale avrebbe voluto cominciare la sua carriera in NBA. Che sia vero oppure no, Williamson non ha poi molta scelta: ritardare di un anno il suo ingresso in NBA — cosa ancora teoricamente possibile visto che non ha ancora assunto un agente o firmato l’attesissimo accordo di sponsorizzazione con un marchio di abbigliamento —  vorrebbe dire rinunciare a decine di milioni di dollari, oltre a rimandare di una stagione il secondo e il terzo contratto con le franchigie NBA, quelli più remunerativi nella carriera di un giocatore. Insomma, anche se avrebbe preferito andare a New York o a Chicago, la Dea Bendata della Lottery ha deciso altro per lui — e non può fare altro che accettarlo.

Il patrigno: "Non vediamo l’ora di andare a New Orleans"

È sostanzialmente il messaggio che ha detto anche Lee Anderson, patrigno di Zion Williamson a alla stazione radio ESPN di Baton Rouge. “Una cosa che abbiamo sempre insegnato a Zion è di accettare le cose che non si possono cambiare, e cambiare quelle che è possibile fare” ha detto in collegamento. “Questo [il meccanismo del Draft, ndr] è uno di quelli che non ha niente a che fare con lui: è un processo della NBA”. Ad ogni modo, la famiglia di Williamson non ci ha messo molto ad accettare la prossima destinazione: “Siamo carichi, non vediamo l’ora [di giocare a New Orleans]. Ho parlato con coach Gentry e incontrato David Griffin due volte. Abbiamo avuto delle grandi conversazioni e siamo eccitati all’idea di arrivare in città, sistemarci e trovare un posto dove stare”. Anderson, poi, ha anche smentito che l’idea di tornare a Duke sia stata anche solo presa in considerazione (“Ci sono state tante speculazioni, ma non ci abbiamo mai pensato”) e ha anche spiegato il motivo per cui Zion non ha ancora firmato un accordo di endorsement: “Non c’è fretta di farlo ora. Nella vita non ci sono molte opportunità di avere potere contrattuale e controllare la propria narrativa, perciò vogliamo essere sicuri di prendere la decisione giusta. Vogliamo fare le cose per bene”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.