NBA, Cleveland Cavaliers: Dan Gilbert ricoverato per un principio di infarto

NBA

Il proprietario della squadra dell'Ohio ha avuto dei problemi di salute nelle scorse ore mentre era nella sede della Quicken Loans in Michigan - la sua azienda, proprietaria anche dell'arena dei Cavaliers: "Gilbert ha ricevuto immediatamente le cure e il suo ricovero procede per il meglio"

Il proprietario dei Cleveland Cavaliers Dan Gilbert è stato ricoverato d’urgenza per un principio d’infarto al Royal Oak Beaumont Hospital nei pressi di Detroit nelle scorse ore. Le sue condizioni sono stabili, stando a quanto riportato dal comunicato rilasciato dalla sua azienda e dai report dei cronisti del Michigan che hanno fornito ulteriori dettagli. Gilbert, 57 anni e volto noto della dirigenza dei Cavaliers, è il proprietario della Quicken Loans - azienda con sede nella downtown di Detroit, la zona che spesso frequenta per ragioni di lavoro - e nell’ultimo anno è stato a lungo impegnato nel rilancio della squadra di Cleveland dopo la partenza di LeBron James - con cui non ha mai avuto un rapporto idilliaco. Dal comunicato ufficiale si legge che: “Gilbert ha ricevuto immediatamente le cure mediche necessarie e il suo ricovero procede con un regolare decorso”. Queste le parole della società: “Le nostre preghiere e i nostri pensieri sono rivolti a Dan e alla sua famiglia, nella speranza che il recupero sia il più rapido possibile”. Nessun dettaglio legato alla prognosi è stato reso noto, dopo che le persone vicine al proprietario dei Cavaliers hanno chiesto il massimo riserbo sulla questione. Gilbert è un miliardario con tanti interessi economici (e non solo) tra l’Ohio e il Michigan, spesso partecipe a incontri ed eventi: mercoledì prossimo era previsto un suo intervento come speaker a una conferenza alla camera regionale di Detroit, che a questo punto potrebbe saltare - anche se nessuno ha fatto comunicazioni rispetto al ritorno alle normali attività da parte di Gilbert. I suoi Cavaliers si trovano al momento in una situazione delicata: dopo l’annuncio dell’ingaggio di John Beilein, l’allenatore dell’università del Michigan che siederà sulla panchina di Cleveland dal prossimo ottobre, la squadra dell’Ohio è già a lavoro per ricostruire un roster pieno di contratti pesanti (che lasciano poco spazio di manovra nella free agency), fuori dalla top-4 al prossimo Draft e a caccia di qualche scambio che permetta di rilanciare una franchigia in forte difficoltà.

I più letti