Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, addio a Memphis: Mike Conley scambiato agli Utah Jazz

NBA

Lo scambio tra Grizzlies e Jazz spedisce la point guard della Memphis del "Grit'n'Grind" nello Utah in cambio di Kyle Korver, Grayson Allen, Jae Crowder, la 23^ scelta al Draft e una prima scelta futura

MERCATO, I LAKERS VOGLIONO UNA TERZA STAR

Come spesso accade nelle ore immediatamente precedenti il Draft iniziano le grandi manovre sul mercato delle squadre NBA. In questo caso i Memphis Grizzlies – dopo aver salutato Marc Gasol, campione NBA a Toronto – hanno scelto di dire addio anche all’altro leader dell’ultimo decennio, quel Mike Conley che da mesi ormai era considerato sul piede di partenza. Lo scambio manda l’ex n°11 dei Grizzlies (e il suo pesante contratto, 65 milioni di dollari per le prossime due stagioni) nello Utah, in cambio di tre giocatori (Kyle Korver, Jae Crowder e Grayson Allen) e due prime scelte (quella dell’imminente Draft, alla n°23, e una prima scelta futura, esigibile nel 2020 o nel 2021 se tra la n°8 e la n°14 oppure negli anni successivi con diversi gradi di protezione per Memphis). Per Conley si tratta di un addio significativo alla squadra che da sempre è stata la sua, fin dalla scelta al Draft del 2007 con la n°4: l’ex giocatore di Ohio State lascia il Tennessee come leader all-time per punti, assist e partite disputate dei Grizzlies, e a 31 anni raggiunge una squadra come i Jazz che con Donovan Mitchell e Rudy Gobert a roster non nasconde le proprie ambizioni nella Western Conference. Utah così aggiunge un secondo realizzatore di livello a Mitchell – visto che proprio nell’ultima stagione Conley ha fatto registrare il suo massimo in carriera tenendo una media punti superiore ai 21 punti a sera – ma riesce allo stesso tempo nell’obiettivo di tenere in squadra Derrick Favors, pedina da cui coach Snyder e il front office non avrebbe voluto separarsi. Conley ha commentato il suo addio a Memphis su Twitter, con parole di grande gratitudine verso la città che lo ha accolto in uscita dall’università e che lui stesso non esita a definire casa: “Cos’altro posso dire sulla mia città! Siete stati voi a rendermi l’uomo che sono oggi. Memphis per me è casa. Sempre! È arrivato il momento di scrivere un nuovo capitolo! Sono felicissimo di dare tutto quello che ho ai Jazz e alla città di Utah [che però sarebbe uno stato, ndr]”. Sempre su Twitter si è manifestato anche Ricky Rubio, ovvero il giocatore che nell’ultimo anno ha ricoperto il ruolo di point guard titolare in casa Jazz e che ora, da free agent, vede messo in pericolo il suo ruolo all’interno della squadra: “…È il momento di essere felici. Non vale più la pena arrabbiarsi, essere tristi o pensare troppo. Lascio che le cose accadano e resto positivo”, il suo laconico messaggio pubblicato sui social. Il prezzo pagato dai Jazz per mettere le mani su un giocatore da molti considerato a livello All-Star anche se non ha mai ricevuto una convocazione per la partita delle stelle è però ovviamente significativo: Grayson Allen ha un po’ deluso nella sua prima stagione NBA in uscita da Duke, ma a 23 anni ha ancora tutte le chance di potersi affermare nella lega; Jae Crowder è un giocatore solido importante soprattutto in fase difensiva; Kyle Korver, dopo aver detto di considerare a 38 anni l’ipotesi del ritiro, è invece probabile abbia scelto di continuare per almeno una stagione, se non due.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.