NBA, Golden State ritirerà la maglia di Andre Iguodala: "Grazie di tutto"

NBA

Nel comunicato in cui veniva ufficializzato lo scambio a Memphis, il proprietario dei Golden State Warriors Joe Lacob ha ringraziato il tre volte campione NBA e ha promesso il ritiro della sua maglia numero 9: "Non vediamo l’ora di vedere il suo numero sul soffitto del Chase Center"

GOLDEN STATE RITIRA LA NUMERO 35 DI DURANT

Quando i Golden State Warriors hanno annunciato il ritiro di fatto della maglia numero 35 di Kevin Durant, in molti si sono chiesti per quale motivo fosse stato annunciato lui prima di Andre Iguodala. Il motivo era legato alle tempistiche degli scambi della NBA: non appena è diventato ufficiale lo scambio di Iggy ai Memphis Grizzlies (mossa necessaria per motivi di salary cap legati all’arrivo di D’Angelo Russell in sign & trade), gli Warriors hanno annunciato nello stesso comunicato anche il ritiro della maglia del tre volte campione NBA. “Durante l’estate del 2013 abbiamo attraversato un processo di free agency estremamente lungo per cercare di firmare Andre Iguodala” ha scritto il proprietario Joe Lacob. “Al tempo lo vedevamo come una parte vitale di una squadra giovane e in rampa di lancio con aspirazioni di titolo. Sei anni dopo, possiamo dire che avevamo sottovalutato il suo valore per la nostra squadra, sia in campo che nello spogliatoio. Come tutti sanno, Andre si è sacrificato per il bene della squadra e, in una delle storie più belle di questo viaggio, ha vinto il titolo di MVP delle Finals nel 2015. È stato assolutamente vitale per il nostro successo nelle cinque partecipazioni consecutive alle finali e ai nostri tre titoli. Ringraziamo Andre per il suo contributo e non vediamo l’ora di vedere il suo numero ritirato al Chase Center”.

Quale futuro per Andre Iguodala?

Iguodala è uno dei giocatori più chiacchierati ancora sul mercato, visto che i Grizzlies sono intenzionati a cederlo piuttosto che tagliarlo e permettergli di scegliere la sua prossima squadra. Su di lui sarebbero interessati i Dallas Mavericks (che hanno ancora spazio salariale per assorbirlo) e gli Houston Rockets (che non si sono ancora mossi concretamente in questa prima settimana di free agency). Nel caso dovesse arrivare il buyout, invece, in pole position ci sarebbero i Los Angeles Lakers, non fosse altro per il rapporto stretto tra Iguodala e Rob Pelinka, per anni suo agente prima del passaggio nella dirigenza gialloviola.

I più letti