Please select your default edition
Your default site has been set for 7 days

NBA, show di Zion Williamson, 11 punti di Melli: è vincente il debutto dei Pelicans

NBA

Contro Atlanta entusiasma la prima scelta assoluta all'ultimo Draft, che regala schiacciate da highlight; solido anche il debutto del terzo azzurro in NBA, con anche 8 rimbalzi e 4 assist in 22 minuti | Oggi su Sky Sport NBA alle ore 11, 14, 17 e 23

PRESEASON, DETROIT-ORLANDO: GLI HIGHLIGHTS

PRESEASON, WASHINGTON-NEW YORK: GLI HIGHLIGHTS

PRESEASON, CHICAGO-MILWAUKEE: GLI HIGHLIGHTS

PRESEASON, CLEVELAND-SAN LORENZO: GLI HIGHLIGHTS

New Orleans Pelicans-Atlanta Hawks 133-109

A New Orleans sono convinti che ricorderanno questo momento per tanto tempo: la prima partita ufficiale (seppure di prestagione) di Zion Williamson, il n°1 al Draft 2019 e il giocatore sicuramente più atteso in casa Pelicans — se non in tutta la NBA. L’ex Duke regala ai tifosi del King Smooth Center (e di Sky Sport: appuntamento alle 11, alle 14, alle 17 e alle 23) highlight a ripetizione, volando al ferro in più di un’occasione per una serie di spettacolari schiacciate e chiudendo il suo debutto con 16 punti, 7 rimbalzi, 3 assist e 3 recuperi. “Ogni volta che posso mettere in mostra le mie abilità, voglio farlo”, le sue parole nel post-partita. “Rispetto al college qui gli avversari sono più grandi e grossi, per cui devo trovare altri modi di essere incisivo in campo. Coach Gentry vuole tenere un ritmo alto: a me sta bene, si adatta al mio stile di gioco, ogni volta che possiamo andare in transizione non ho problemi a correre”. E sulle numerose schiacciate già messe a referto, Williamson racconta: “Quando vedo l’area aprirsi davanti a me penso solo ad andar su forte, senza esitazioni”. Unico piccolo neo della sua prestazione, forse, lo 0/2 dalla lunga distanza: “Non tirerò molto da tre questo mio primo anno ma il coaching staff mi ha dato comunque il semaforo verde per farlo. Devo migliorare, e lo farò nel corso della stagione”. Con i suoi 16 punti Williamson non è stato il miglior marcatore dei Pelicans, che hanno avuto 21 punti con 7/9 al tiro da Jrue Holiday e 19 da Brandon Ingram, mentre Lonzo Ball ha messo a segno 3 delle 8 triple tentate regalando anche 7 assist e catturando 5 rimbalzi. Tanti minuti in campo (22) e soprattutto il miglior plus/minus di squadra per Nicolò Melli, al suo esordio NBA. L’azzurro ha chiuso con solo 1/6 da tre punti (e 4/11 al tiro) ma ha contribuito eccellentemente dalla panchina, dove si è messo in luce anche l’altra prima scelta della squadra Nickeil Alexander-Walker, autore di 12 punti in 15 minuti con 5/10 al tiro. New Orleans ha dato un saggio del suo potenziale offensivo nel secondo quarto, chiuso con il roboante parziale di 46-27, prima di segnare altri 35 punti anche nel terzo periodo, in un esordio incoraggiante per Alvin Gentry e per il suo coaching staff. 

I più letti