Please select your default edition
Your default site has been set

I Grammys allo Staples: Alicia Keys e il mondo musicale ricordano Kobe Bryant

NBA
©Getty

In quella che Alicia Keys, presentatrice della serata, ha definito "la casa che Kobe Bryant ha costruito" (lo Staples Center), i grandi nomi dell'industria musicale mondiale hanno celebrato una delle serate più importanti, rendendo omaggio al campione gialloviola appena scomparso

KOBE BRYANT MORTO: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

In condizioni normali sarebbe stata la serata di Billie Eilish — capace di aggiudicarsi i quattro premi più importanti assegnati durante la serata dei Grammys — ma nella sua Los Angeles, all’interno proprio del suo Staples Center, una delle cerimonie musicali più importanti dell’anno si è presto trasformata in un omaggio e un tributo al n°8/24 dei Lakers: “Questa serata è per Kobe!”, ha annunciato al via dello show la cantante hip-hop/soul Lizzo, prima di attaccare proprio con le parole “I’m crying” (sto piangendo) il suo pezzo “Cuz I love you”. Poi è toccato alla presentatrice della serata, Alicia Keys, tornare sulla tragedia che ha toccato da vicino così tanto la città e gli abitanti di Los Angeles, che per 20 anni hanno potuto vedere da vicino il Kobe Bryant Show. “Siamo qui per celebrare i migliori artisti dell’anno — ha detto — ma a essere onesti dentro di noi ora sentiamo soltanto una grandissima tristezza perché poche ore fa Los Angeles, l’intera America e tutto il mondo ha perso un eroe. Il mio cuore è letteralmente spezzato mentre sono qui su questo palco, nell’arena che Kobe Bryant ha costruito”. “The house that Kobe Bryant built” è un modo di dire spesso utilizzato in America che ricorda la famosa frase coniata per il campione di baseball Babe Ruth e per lo Yankee Stadium a New York. E così, durante lo show — sia durante il discorso di Alicia Keys che nel corso dell’esibizione di John Legend, DJ Khaled, Meek Mill, Roddy Rich, Kirk Franklin & YG — sui maxi schermi dello Staples Center sono apparse le immagini di Kobe Bryant con la maglia gialloviola dei suoi Lakers. Un’immagine comune, all’interno di quell’arena, ma che stavolta nessuno avrebbe mai voluto vedere.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche