Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Kawhi Leonard suona la sveglia per i Clippers: "Ora cominciamo a giocare"

NBA
©Getty

La terza sconfitta consecutiva ha fatto scattare un mini-allarme in casa L.A. Clippers, con Kawhi Leonard che ha avvertito la squadra: “Ora è il momento di salire di livello, dobbiamo essere al nostro massimo nel momento decisivo. Dobbiamo ritrovare un po’ di salute”

I nove giorni di riposo dovuti all’All-Star Weekend hanno fatto più male che bene agli L.A. Clippers, almeno stando a vedere come si sono presentati all’appuntamento con il matinée contro i Sacramento Kings. La squadra di Doc Rivers – priva di Paul George e Patrick Beverley – ha sbagliato 20 dei 24 tiri tentati nel primo quarto segnando solo 13 punti, e nonostante una rimonta che li ha portati anche avanti di tre lunghezze nel corso dell’ultima frazione, sono crollati nel finale concedendo un parziale di 13-2 agli avversari. Per i Clippers si tratta della terza sconfitta consecutiva, prima volta che accade in una regular season che – per quanto martoriata dagli infortuni – li ha visti sempre mantenere una certa costanza di rendimento ad alto livello, issandosi fino al terzo posto nella Western Conference. Ciò nonostante, la sensazione è che questa squadra abbia performato ben al di sotto delle proprie possibilità. “Quando cominceremo a salire di livello? Non si può mai sapere” ha detto Kawhi Leonard dopo la partita in cui ha chiuso come miglior marcatore a quota 31 punti. “Ma voglio dire, il momento è adesso. Dobbiamo migliorare. Non importa in che posizione di classifica sei, bisogna continuare a combattere. La cosa più importante è avere la squadra al massimo nel momento giusto, e non penso che ci siamo. La sensazione è che ci stiamo avvicinando, ma dobbiamo ritrovare dei giocatori infortunati”. Leonard è sembrato insolitamente frustrato dopo una banale palla persa per una incomprensione con Montrezl Harrell e Landry Shamet, allargando le braccia e lamentandosi a gran voce con i compagni. Il punteggio era sul 101-101 a 4 minuti e mezzo dalla fine: da lì in poi i Kings hanno preso il controllo della gara, vincendo poi 112-103 con i Clippers che hanno sbagliato 10 degli ultimi 11 tiri.

Le parole di Rivers: “Non avevamo ritmo neanche prima”

Ai problemi di chimica dei Clippers si aggiungono i recenti arrivi di Marcus Morris (6 punti e 5 palle perse con 3/9 al tiro) e Reggie Jackson (8 con 3/9 dal campo), partiti subito in quintetto ma difficili da inserire a stagione in corso, visto che mancano solo 26 partite al termine della regular season. “Non avevamo ritmo neanche prima, se poi si aggiungono nuovi giocatori che non hanno familiarità con i compagni, è difficile trovarlo dal nulla” ha detto coach Doc Rivers. “Ho detto a [Reggie] Jackson prima della partita di fare del suo meglio e di giocare, ma è stato messo in una posizione difficile visto che è la point guard. Ha cercato di eseguire degli schemi che non conosce: è una cosa molto difficile”. I Clippers hanno utilizzato 28 quintetti base diversi nel corso della stagione (solo Detroit ne ha altrettanti) e la coppia George-Leonard è scesa in campo assieme solamente in 24 occasioni, e i differenziali nei 572 minuti giocati assieme sono molto incoraggianti. Con 113.6 punti segnati su 100 possessi contro i 104 subiti, il +9.6 di Net Rating si piazzerebbe solamente alle spalle del +11.8 di Milwaukee su base stagionale. Insomma, c’è motivo di essere ottimisti: “No, non siamo preoccupati” ha detto Lou Williams sulle tre sconfitte in fila. “Stiamo continuando a costruire. Tutti nello spogliatoio abbiamo perso tre partite in fila prima di oggi. Non perdiamo di vista che in classifica siamo messi bene [37-19, a una sola partita di distanza dal secondo posto di Denver e 6 dai Lakers, ndr]. Ci sono delle cose da sistemare, ma niente di preoccupante: basta vincere la prossima”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche