Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Nico Mannion dice addio ad Arizona e si dichiara per il Draft 2020

NBA

La point guard di Arizona ha scelto di lasciare il college e tentare l'avventura NBA. Per l'azzurro è un sogno che si avvera: "Sto studiando filmati su filmati di Steve Nash e Chris Paul"

“One-and-done”, un anno e poi il coronamento del suo sogno, la NBA: Nico Mannion l’aveva confessato anche ai microfoni di Sky Sport e oggi quel suo sogno è diventato realtà, con l’annuncio di voler entrare a far parte del Draft NBA 2020. La point guard di Arizona — che ha concluso la sua unica stagione NCAA con 14 punti e 5.3 assist di media, meritandosi l’inclusione nel miglior quintetto della sua conference — ha visto il suo nome proiettato in diverse posizioni del primo giro di scelte al prossimo Draft: arrivato addirittura a essere considerato un prospetto da top 10, recenti report sembravano invece averlo retrocesso sul finire del primo giro, mentre il network ESPN lo mantiene stabilmente al n°14 nel suo mock Draft. Grande intelligenza cestistica nonostante la giovanissima età, buonissime doti di passatore e grande raggio di tiro dalla lunga distanza, Mannion dovrà probabilmente irrobustirsi ancora fisicamente per reggere — soprattutto difensivamente — il passaggio ai professionisti. “L’esperienza maturata a livello internazionale sarà un grande vantaggio per me”, ha dichiarato Mannion alla stampa USA. “Fin da quando ho 16 anni ho giocato a livello internazionale, contro veri professionisti. Penso di aver dimostrato già all’Hoop Summit [la sfida tra i migliori liceali USA e i pari età di tutto il mondo, ndr] di poter appartenere a questo livello: penso di essere uno dei migliori playmaker puri di questo Draft, e se magari ad Arizona non ho tirato benissimo da fuori, in passato ho dimostrato che il tiro certo non mi manca”.

Una palestra a disposizione, pesi e tiri per migliorare 

Mannion poi ha rivelato che nonostante in Arizona sia in atto come in molte altre parti degli Stati Uniti un vero e proprio lockout per contenere l’epidemia di coronavirus, il prospetto azzurro ha a disposizione vicino a casa una palestra (“Dove posso entrare solo io”) nella quale continua ad allenarsi: “Faccio pesi e tiro, lavoro su ogni aspetto del mio gioco che posso perfezionare: può essere il passaggio, il ball-handling, la capacità di sfruttare i blocchi, ma sto lavorando anche per allungare il mio raggio di tiro. Provo a vedere questo tempo libero imposto dal lockdown come un’opportunità di migliorare: guardo a ripetizione filmati di Steve Nash e Chris Paul, come sfruttano loro i blocchi per entrare nel cuore delle difese avversarie e poi punirle con il floater”. E maestri migliori, obiettivamente, non poteva scegliersi.

 

NBA: SCELTI PER TE