Please select your default edition
Your default site has been set

Coronavirus, Ray Allen si fa crescere i capelli e sfida LeBron James

SOCIAL
Instagram
ray_allen_capelli_instagram

Il miglior tiratore della storia NBA ha deciso di farsi crescere i capelli fino al termine della pandemia che sta colpendo il mondo e ha sfidato “i miei fratelli pelati o che stanno diventando pelati” a fare lo stesso, tra cui l’ex compagno LeBron James e Shaquille O’Neal: "Non c’è niente di sbagliato"

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Se durante la quarantena in tanti hanno deciso di tagliarsi i capelli da soli in casa, c’è invece chi ha deciso di farseli crescere pur non avendolo mai fatto in vita sua. È il caso di Ray Allen, che sin dai tempi del college ha sempre tenuto i capelli cortissimi e con l’andare del tempo ha optato per rasarsi del tutto, il look con cui è conosciuto in tutto il mondo. Tempi straordinari come quelli che stiamo vivendo richiedono però misure straordinarie e per questo Allen ha deciso di farsi crescere i capelli, testimoniando il tutto sul suo profilo Instagran: “Non avrei voluto postarlo, ma questa è la situazione in cui mi trovo: mi farò crescere i capelli fino a quando il “Rona” non se ne sarà andato!” ha scritto nella descrizione della foto della sua stempiatura. “Per quelli che non lo sanno mi sono tagliato i capelli da solo per tutta la vita, perciò è difficile non metterci mano ma quando riguarderò queste foto ricorderò il Coronavirus”. Allen ha poi citato le parole della sigla dei Jefferson, popolare sitcom a cavallo degli anni ’70 e ’80 in cui il protagonista aveva una stempiatura simile alla sua. Soprattutto, ha poi sfidato “i miei fratelli pelati o che stanno per diventarlo” a farsi crescere i capelli come lui, aggiungendo che “voi sapete a chi mi sto riferendo”. Per non farsi mancare nulla, li ha poi direttamente taggati. Ecco le sue nomination: LeBron James, Richard Jefferson, Carlos Arroyo, Rip Hamilton, Carlos Boozer, Shaquille O’Neal, Stephon Marbury, Damien Wilkins e il comico Chris Spencer. Tra tutti, solo Jefferson ha accettato ma mettendo una condizione (“Devi darmi il momento preciso in cui potrò tagliarli”), mentre altri si sono limitati a ridere (come O’Neal) e altri ancora hanno rifiutato totalmente (come Marbury). Il resto dei commenti sono invece prese in giro per i suoi capelli, che Allen ha accettato di buon grado: “Qualcuno ha scritto che dal mio sopracciglio all’attaccatura dei capelli fanno 16 dollari di viaggio con Uber. È tutta sera che rido alle battute, continuate a mandarmele!”.

NBA: SCELTI PER TE