Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Chris Paul fissa la timeline per tornare a giocare: "Due settimane non bastano"

CORONAVIRUS
©Getty
SAN ANTONIO, TX - NOVEMBER 7: Chris Paul #3 of the Oklahoma City Thunder looks on against the San Antonio Spurs on November 7, 2019 at the AT&T Center in San Antonio, Texas. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2019 NBAE (Photos by Logan Riely/NBAE via Getty Images)

In una conference call coi giornalisti, la point guard dei Thunder e presidente dell’associazione giocatori ha parlato della situazione legata al coronavirus dal punto di vista dei protagonisti in campo: "Due settimane non ci bastano, siamo noi giocatori a scendere in campo perciò dobbiamo essere noi a decidere"

CORONAVIRUS: GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

È ormai passato un mese e mezzo dall’ultima volta che un pallone ha rimbalzato su un campo della NBA, e in tutto questo periodo neanche uno come Chris Paul ha potuto fare un tiro a canestro in una palestra. Per questo, secondo il presidente dell’associazione giocatori NBA il periodo di allenamenti necessario per ritrovare una forma accettabile non può essere di due settimane: “Ve lo dico subito, anche se non credo che la NBA ci stia pensando. Ma se ci dicono: ‘Ehi, avete due settimane e poi cominciamo’, la nostra risposta è no. Non può succedere. Qualunque sia il tempo necessario per rimetterci informa, saremo noi a dare un input alla lega, perché siamo noi quelli che giochiamo. Quello viene al primo posto. Non possiamo mettere a rischio di infortuni i nostri giocatori, perché con pochi allenamenti il rischio sarebbe ancora più alto di prima”. Secondo CP3 una tempistica adatta sarebbe non meno di 3-4 settimane, ma anche lui — nonostante la posizione privilegiata e il filo diretto con Adam Silver — non sa quando si potrà tornare a giocare. “Siamo veramente in una situazione in cui nessuno sa cosa succederà. Molte volte i miei colleghi mi chiedono ‘Ehi, cosa sta pensando di fare la lega? Cosa succederà con i playoff? Cosa succede all’All-Star Game’ e per dare una risposta basta andare al vertice, da Adam, per ottenerla. Ma questa volta non è così semplice: non è che ho le risposte e sto cercando di nasconderle, è che davvero non le ho”. L’unica cosa certa, almeno dal punto di vista di CP3, è la voglia di tornare in campo: “Vogliamo giocare, questo è sicuro. Ma stiamo cercando di capire come farlo succedere. E ci sono tanti passaggi da affrontare perché accada. Ci sono molte ipotesi, è bello che tutti stiano cercando di dare la loro idea e che tutti vogliano tornare a giocare, ma la sicurezza di giocatori, famiglie, tifosi e tutti viene al primo posto”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche