Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, parla l'agente di Michael Jordan: "Oggi segnerebbe 50-60 punti di media"

PAROLE
©Getty

Lo storico agente di Michael Jordan, David Falk, ha risposto alla domanda che tutti si fanno: quanto segnerebbe MJ nella NBA di oggi? "Tra i 50 e i 60 punti di media col 75% al tiro" è la provocazione del procuratore

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Non è mai semplice paragonare giocatori di epoche diverse, figuriamoci mettere un giocatore del passato nella NBA di oggi e viceversa. Ma in queste settimane in cui “The Last Dance” — disponibile in Italia su Netflix e a un prezzo vantaggioso per gli abbonati Sky che sottoscrivono l’offerta Intrattenimento Plus su Sky Q — la fa da padrone, la domanda è inevitabile: quanto successo avrebbe Michael Jordan nella lega di oggi? A rispondere a questa domanda è stato il suo storico agente David Falk al programma radiofonico The Junkies su 106.7 FM: "Con virtualmente zero difesa e l’impossibilità di mettergli le mani addosso, il miglior Jordan possibile con le regole di oggi segnerebbe tra i 50 e i 60 punti di media a partita. E tirerebbe con il 75% dal campo. Se non puoi mettergli le mani addosso, sarebbe completamente inarrestabile. Non c’è neanche un giocatore che possa andargli anche solo vicino oggi come oggi. Nessuno”. I numeri sparati da Falk che suonano più che altro come una provocazione, visto che notoriamente solo Wilt Chamberlain (e per una sola stagione, la storica 1961-62) ha tenuto più di 50 punti di media in una NBA in cui esistevano solo nove squadre e nessuna segnava meno di 110 punti a partita. Lo stesso MJ — il cui career-high è di 69 punti e solo cinque volte in carriera ha segnato più di 60 punti — non è mai andato oltre i 37 punti di media del 1986-87 e in carriera non ha mai avuto una stagione sopra il 54% dal campo. Anzi, le partite in cui ha segnato più del 75% dei suoi tiri in tutta la carriera sono solamente 11 su 1.072, perciò pensare che possa tenere quella cifra di media è totalmente irrealistico. Rimane comunque il fatto che nessuno si sognerebbe di pensare che oggi MJ sarebbe un giocatore come tanti, anzi, sarebbe di sicuro tra i migliori se non il migliore, vista anche la versatilità del suo gioco sui due lati del campo e un’evoluzione tattica che lo potrebbe a tirare di più da tre punti. Ma 50-60 punti di media no, neanche con i superpoteri come in Space Jam.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche