Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Embiid e Milton litigano in panchina: tensione tra i Philadelphia 76ers. VIDEO

il caso

Un passaggio sbagliato di Shake Milton ha scatenato la reazione di Joel Embiid, con i due che si sono presi a male parole una volta rientrati in panchina. Dopo la gara sia il centro che coach Brett Brown hanno cercato di minimizzare: "È pallacanestro, succede in tutte le squadre. Dobbiamo solo guardare avanti"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

La prima partita nella bolla di Orlando è stata anche l’occasione per vedere il nuovo quintetto dei Philadelphia 76ers, con Shake Milton nel ruolo di point guard e Ben Simmons al fianco di Joel Embiid. I primi risultati però non sono andati come sperato: Milton ha faticato enormemente nei 19 minuti in cui è rimasto in campo, sbagliando l’unico tiro tentato, chiudendo con zero punti a referto e tanti assist quante palle perse (3), oltre a commettere cinque assist. A rendere ancora più difficile la sua partita è stato poi il clamoroso litigio in panchina con Joel Embiid: dopo una serie di errori da parte di Milton tanto in attacco quanto in difesa, Embiid ha detto qualcosa che ha fatto scattare il suo compagno, trattenuto dagli altri mentre i Sixers si accomodavano sulle proprie sedie. Un incidente che tutti dopo la gara hanno cercato di minimizzare: “È pallacanestro: tutti commettono errori, succede. Abbiamo discusso di quello che è successo e troveremo una soluzione. Sono cose che accadono in tutte le squadre: la cosa importante è andare avanti”. Anche coach Brett Brown non si è detto particolarmente preoccupato: “Non sempre le cose sono rose e fiori, perciò se ci sono delle discussioni da fare è meglio farle. Penso comunque che episodi del genere siano più salutari che altro”. 

Una sconfitta pesante per la classifica dei Sixers

leggi anche

La serata magica di TJ Warren: show da 53 punti

Resta il fatto che, oltre all’incidente in panchina, i Sixers hanno anche perso una partita in cui erano riusciti a salire sul +10 nel corso dell’ultimo quarto, tramortiti dalla super prestazione di TJ Warren con 53 punti. “Bisogna dargli credito, era in serata” ha detto Tobias Harris, autore di 30 punti per accompagnare i 41+21 di Joel Embiid. “Ma troppe volte lo abbiamo marcato come se non fosse in serata, dandogli troppo spazio. Non abbiamo rispettato la sua capacità di fare canestro”. Una sconfitta pesante non solo per il modo in cui è arrivata, ma anche perché in questo modo i Sixers hanno perso il tie-breaker nei confronti dei Pacers, che in caso di arrivo a pari-record avranno il posizionamento migliore in classifica. L’esperienza nella bolla di Orlando poteva cominciare decisamente in altro modo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche