Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Zion Williamson gioca di più (e i Pelicans tornano a vincere): “Mi sento rinato”

new orleans
©Getty

Il rookie dei Pelicans è uno dei protagonisti del fondamentale successo conquistato contro Memphis che tiene vive le speranze nella corsa all'ultimo posto playoff disponibile a Ovest di New Orleans: "Quando resto in panchina nel quarto periodo sto male, oggi mi sono sentito utile"

“Mi sono sentito di nuovo vivo”. Zion Williamson non nasconde la soddisfazione a fine partita, intervistato in mezzo al campo dopo la prima vittoria conquistata all’interno della bolla di Disney World dai suoi Pelicans: “Ringrazio l’allenatore e la squadra per aver creduto in me e avermi concesso l’opportunità di essere in campo nel finale di gara”. Il motivo di discussione e divisione per New Orleans infatti è sempre lo stesso: le restrizioni al minutaggio costantemente imposte alla prima scelta assoluta del Draft 2019 dopo la quarantena a cui è stato costretto nei giorni scorsi. Contro gli Utah Jazz nella gara d’esordio, nonostante il finale combattuto in cui avrebbe potuto dire la sua, Williamson è rimasto a guardare. Contro i Clippers invece l’ultimo quarto è stato completamente privo di senso dopo che i losangelini hanno impiegato poco più di un tempo per risolvere la pratica Pelicans. 

leggi anche

Zion arrabbiato per il limite al minutaggio

Dopo i 15 minuti dell’esordio e i 14 contro L.A., finalmente il minutaggio di Williamson è iniziato a salire - di pari passo al suo rendimento: 25 minuti sul parquet e 23 punti a referto con 21 tiri tentati dal campo - suo massimo in carriera: “Non voglio mentire: ogni volta che nel quarto periodo sono costretto a restare in panchina e non posso dare una mano ai miei compagni, ci sto male. Per questo ho detto che mi sento di nuovo vivo, perché è fantastico per me aver preso parte alla vittoria di stasera”. Un’occasione per dimostrare di poter incidere anche davanti a un avversario speciale, un amico che il destino vorrebbe a tutti i costi rendere un suo rivale: Ja Morant, molto probabilmente il rookie dell’anno in questa stagione complicata per Williamson, limitato a soli 11 punti nonostante le 21 conclusioni dal campo. “Beh, questo è tutto merito di Jrue Holiday, ma al tempo stesso è il segno del grande rispetto che Ja si è conquistato in questo mesi”. Parole d’affetto scambiate sia in campo a fine partita che sui social, con Zion che spera di riuscire a fare uno scherzetto al suo amico nella corsa ai playoff.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche